Rassegna stampa prime pagine giornali titoli 21 dicembre 2019 l’edicola


Rassegna stampa prime pagine giornali titoli 21 dicembre 2019 l’edicola




Affari con i fallimenti, il giudice Sdogati si difende, sentiti anche Bertoldi e Pompei

Il giudice civile Tommaso Sdogati, coinvolto nell’inchiesta condotta dalla Procura di Firenze sul presunto business degli incarichi nelle vendite delegate dal Tribunale, si è difeso ieri mattina. Nessuna forzatura, ma soltanto qualche “richiesta di informazioni” a titolo di cortesia.

Il procuratore aggiunto di Firenze Luca Tescaroli per il giudice, indagato a piede libero per corruzione, chiede la misura interdittiva della sospensione e su questo il giudice per le indagini preliminari Angelo Antonio Pezzuti si è riservato di decidere, al termine dell’interrogatorio di garanzia.

Agli arresti domiciliari, insieme a Sdogati sono indagati, anche due avvocati: Nicoletta Pompei, fidanzata di Sdogati, e il socio di studio di quest’ultima, Mauro Bertoldi. Entrambi, ieri mattina, erano attesi a Firenze dal gip.

Pompei si è avvalsa della facoltà di non rispondere. Per lei è stata chiesta la revoca o la sostituzione della misura cautelare. Il difensore di Bertoldi, invece, avvocato Luca Maori, non ha voluto commentare il secondo interrogatorio in due giorni. Giovedì mattina era stato sentito anche a Perugia nell’ambito dell’inchiesta sullo sfruttamento di prostituzione.

Tommaso Sdogati ha risposto a tutte le domande del gip. Il giudice – ha detto il suo legale – ha dimostrato la sua “assoluta estraneità alle contestazioni”. Le richieste di informazioni avanzate dal giudice sarebbero riconducibili esclusivamente all’ambito di una cortesia.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*