Intestino perforato, Solinas: “Mettermi in prima pagina è un linciaggio”

 
Chiama o scrivi in redazione




Intestino perforato, Solinas: “Mettermi in prima pagina è un linciaggio”

Attilio Solinas, attuale consigliere regionale e soprattutto gastroenterologo, questa mattina è stato “sbattuto” in prima pagina da un quotidiano locale umbro. La storia ha origine nel lontano 2008, quando un paziente fu sottoposto a un intervento di colonscopia. Ad eseguirlo fu proprio Solinas. L’esame diagnostico finì male. Il paziente successivamente, accusava forti dolori all’addome ed è stato sottoposto a nuovo esame che permetteva di riscontrare una lacerazione di ben 5 centimetri all’intestino.

© Protetto da Copyright DMCA

Da qui è partito l’iter giudiziario che ha visto coinvolto il medico di piazzale Europa che ora dovrà pagare 40 mila euro (più 400 euro di spese legali) all’azienda sanitaria locale che aveva dovuto rifondere il paziente.

Questa mattina un “titolone” sul quotidiano locale a caratteri enormi. Riportava: “Lesioni al paziente, Solinas condannato”. Ed è stato lo stesso professionista a spiegare come stanno realmente le cose: “Questa vicenda non si è ancora conclusa perché io ora farò appello, la sentenza della Corte dei Corti è stata ingiusta”.

Riferendosi al titolo in prima pagina ha detto: “Credo che ci sia una volontà trasversale e strumentale di colpirmi prima di tutto come politico, poi come professionista. Un titolo cubitale in prima pagina con nome e cognome su una vicenda che non c’entra niente con la politica. Metterlo in prima pagina – ha spiegato -, secondo me è una cosa disdicevole, e un linciaggio mediatico che io penso di non meritare. Io sono un professionista conosciuto in Umbria, le persone sanno come lavoro. Un caso di perforazione avvenuto 11 anni fa per motivi prevedibili. Sono stato imputato dalla corte dei conti a dover risarcire questo paziente. Se sarà necessario lo farò. Ritengo poco giusto nei miei confronti essere sbattuto in prima pagina. Io non ho nessuna remora, sono tranquillo. Vado a testa alta e con il sorriso sulla labbra. Mi dispiace un po’ perché un giornale che io stimo ha voluto fare questa azione lesiva della mia dignità gratuita che, ripeto, è strumentale e vuole colpirmi politicamente, probabilmente in una fase in cui ci avviciniamo alle elezioni regionali. Colpire Solinas, vuol dire colpire una potenziale figura ricandidabile. Io non credo, al di là di questo episodio – ha concluso Solinas -, che non mi ricandiderò, ma vedremo se ci saranno le condizioni politiche per farlo”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*