Satellite spaziale cinese in caduta le prime immagini video di Tiangong 1

 
Chiama o scrivi in redazione



03/29/2018 – La stazione spaziale cinese in caduta libera sulla terra sono state riprese dai radar tra i più potenti al mondo per le osservazioni spaziali degli scienziati del Fraunhofer Institute Berlin Germania. il satellite, che si trova ancora a circa 200 km di altezza, ha iniziato a ruotare più rapidamente ma ancora non così tanto da costringere gli esperti a rivedere le Stime per il suo rientro,che continuano a indicare come data probabile il primo di aprile.

© Protetto da Copyright DMCA

Più passa il tempo però è più aumentano le informazioni disponibili a 36 ore dall’impatto con l’atmosfera sapremo esattamente quale sarà la sua orbita di caduta e se l’Italia sarà interessata le probabilità sono pochissime una su 300.000 in via precauzionale dalla protezione civile che continua a monitorare la situazione.

Arriva comunque qualche consiglio sicuramente lo via chiuso sono più sicuri di quelle all’aperto e di buon senso non avvicinarsi alle finestre non stare nel sottotetto.

E comunque la cosa importante sarà quella di segnalare la presenza di un frammento qualora dovesse essere avvistato perché questi verosimilmente avranno temperature molto alte e conterranno idrazina che un agente chimico al quale non bisogna avvicinarsi.

«Molti – dice l’astronauta Paolo Nespoli – che si spaventano di questa cosa, di questa stazione che ci sta piovendo sopra la testa, di fatto non ci rendiamo conto che ogni giorno ci sono tonnellate e tonnellate di materiale, qualcosa come 50.000 tonnellate di materiale che rientrano dallo spazio. L’universo – continua lo scienziato -, comete, meteoriti che al rientro vengono brucia l’atmosfera qualche piccolo frammento cade per terra e questi sono i meteoriti. Le probabilità – conclude – che uno di questi ci colpisca un posto popolato ci sono ma direi che sono estremamente minime».

È una sostanza corrosivatossica e cancerogena: la soglia di contaminazione dell’aria è di 1 ppm, mentre la soglia olfattiva (oltre la quale l’odore è avvertibile) è di 3-5 ppm: già a 20 °C i vapori possono raggiungere tali concentrazioni. A temperature superiori ai 38 °C, se i vapori non vengono dispersi, la miscela aria-vapori di idrazina può raggiungere concentrazioni tali da essere esplosiva.

Satellite spaziale cinese in caduta le prime immagini video di Tiangong 1

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*