Terremoto, scuole chiuse a Terni, riapriranno il 23 gennaio

E' a disposizione il numero telefonico 0744549821 per segnalare alla Protezione Civile comunale eventuali danni

 
Chiama o scrivi in redazione


Terremoto, scuole chiuse a Terni, riapriranno il 23 gennaio TERNI – L’attività didattica delle scuole pubbliche e private di ogni ordine e grado a Terni e territorio comunale, compresa l’alta formazione, è sospesa sino a sabato 21 gennaio compreso. Le lezioni quindi, salvo diverse disposizioni, riprenderanno lunedì 23 gennaio. Il Comune di Terni ha predisposto un’ordinanza (prot. n.7907 del 18/01/2017) in tal senso. La sospensione è dovuta alla necessità da parte dei tecnici comunali di effettuare la verifica della agibilità. “Alla luce degli eventi sismici di questa mattina – dichiara l’assessore alla Protezione Civile Stefano Bucari – abbiamo disposto un nuovo ciclo di controlli e verifiche sullo stato degli edifici scolastici comunali, con l’obiettivo di avere un quadro aggiornato della situazione. Eventuali situazioni di inagibilità saranno prontamente segnalate alle autorità scolastiche e alle famiglie degli alunni”.

Dalle 15 di mercoledì sono iniziati i sopralluoghi da parte della Polizia Municipale sulle uscite di sicurezza delle scuole e sulle aree di attestamento per verificare che siano utilizzabili. “Si tratta di un controllo a tappeto – dichiara l’assessore alla Polizia Municipale Emilio Giacchetti – in quanto per l’attuazione dei piani di emergenza è fondamentale che le uscite di sicurezza e le zone di attestamento sia pienamente fruibili. Si tratta di una questione fondamentale per contribuire alla sicurezza degli alunni delle scuole. Fermo restando i doverosi controlli della nostra Polizia Municipale, faccio appello al senso civico degli automobilisti”.

Da questa mattina è a disposizione il numero telefonico 0744549821 per segnalare alla Protezione Civile comunale (Corso del Popolo, 3° piano del nuovo palazzo comunale) eventuali danni derivanti dal sisma che oggi, mercoledì 18 gennaio, ha colpito l’Italia Centrale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*