Terremoto, Raccordiamoci, Barbara Olmai intervista Roberto Sbriccoli della Pro Loco Campi |Foto

 
Chiama o scrivi in redazione


Terremoto, Raccordiamoci, Barbara Olmai intervista Roberto Sbriccoli della Pro Loco Campi

© Protetto da Copyright DMCA

Riunione a Campi di Norcia “Raccordiamoci” per organizzare la manifestazione del primo giugno per protestare per la ricostruzione post sisma che non parte. I dettagli dell’evento saranno resi noti dai comitati nei prossimi giorni. Intanto, la giornalista Barbara Olmai, ha sentito la voce di Roberto Sbriccoli della Pro Loco Campi che ha ospitato l’incontro a cui hanno preso parte alcuni rappresentanti dei comitati delle 4 regioni del centro Italia, cittadini residenti e proprietari delle seconde case stanchi delle cose che non funzionano.

Sarà una manifestazione di grosse dimensioni messa in calendario per il primo giugno. “Raccordiamoci” è la parola chiave. Ieri un incontro avvenuto alla Pro Loco di Campi di Norcia, organizzato dai terremotati del cratere di tutto il centro Italia. A Norcia e nel resto delle aree colpite dal sisma, la ricostruzione non è ancora partita e questi ritardi pesano.

Sarà una sorta di marcia in auto o con ogni altro mezzo motorizzato, camper compresi, che partirà da differenti punti di ritrovo nelle regioni interessate e poi farà convergere le colonne di mezzi verso Roma. Ancora da definire il luogo di ritrovo nella Capitale: sarà comunicato nei prossimi giorni.

All’incontro preparatorio di Campi c’erano ieri anche rappresentanze, oltre che da Norcia e Castelluccio, da Amatrice, Accumoli, dal versante marchigiano e da altre aree terremotate. Il primo giugno tutti convoglieranno verso Roma dando vita ad un corteo composto, tranquillo col quale i terremotati vogliono rappresentare le preoccupazioni.

I mezzi avranno dei segni distintivi, in modo tale che anche durante il percorso si renda visibile il messaggio. Porteranno i lenzuoli con le scritte, quelli che sono apparsi sulle finestre, sui muri e sulle auto delle zone terremotate.


 

 

 


Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*