Tari, Camicia, sospendere raccolta rifiuti ai morosi, il video

 
Chiama o scrivi in redazione




Tari, Camicia, sospendere raccolta rifiuti ai morosi, il video
“Ci sarà un ritocco del 9 per cento circa sulla tariffa dei rifiuti. Un ennesimo aumento che, al di là dei costi dello smaltimento e degli sprechi della gestione di Gesenu, è dovuto soprattutto al problema principale della riscossione”. A sottolinearlo il consigliere comunale Carmine Camicia nel corso di una conferenza stampa, che si è tenuta giovedì 20 dicembre, nella sala della Vaccara di Palazzo dei Priori. “Sono 21mila le cartelle esattoriali non pagate – ha puntualizzato Camicia – per un debito che ammonta a 100 milioni di euro, tra Tari ed Imu, e che, inevitabilmente, pesa sulle casse comunali e a pagare le conseguenze sono sempre i cittadini onesti che pagano le tasse”.

Il consigliere, tramite la risposta ad un accesso agli atti, ha ricevuto la documentazione in cui si evince come gradi imprese e società, partiti politici di un certo spessore e associazioni di categoria non paghino la tariffa sui rifiuti: “E l’amministrazione, invece di riscuotere, pensa di spalmare le morosità sui cittadini – ha spiegato – tutelando i morosi. È del 19 febbraio scorso, infatti, una deliberazione del Consiglio comunale con la quale è stato approvato un regolamento per la definizione agevolata della tari”.

“Nel documento si legge chiaramente – ha continuato Camicia -: ‘relativamente alle annualità 2014-2016 i residui attivi iscritti nel conto del bilancio ammontano ad oltre 24 milioni di euro; tali residui non sono comprensivi di sanzioni ed interessi’ e ‘ritenuto di procedere pertanto di procedere alla definizione agevolata delle morosità e delle inadempienze dichiarative dei soggetti passivi della Tari relativi alle annualità 2014-2016, al fine di: 1) recuperare somme difficilmente riscuotibili, 2) migliorare la liquidità del Comune e ridurre l’ammontare dei residui attivi iscritti in bilancio, 3) ottimizzare e normalizzare per il futuro la banca-dati dei soggetti passivi della Tari, 4) prevenire l’eventuale contenzioso tributario, 5) fare emergere il fenomeno dell’evasione di tale specifico tributo;’… Questa delibera è stata votata anche da amministratori pubblici che sono morosi dal 2014. Si tratta di un vero e proprio conflitto di interessi.

E siccome sono varie le aziende che hanno fatto la storia della città e che non pagano le tasse, invierò un esposto alla Procura della Repubblica, affinchè gli organi competenti possano accertare e inquisire chi ha un debito di oltre 30mila euro per il reato penale di evasione fiscale”. “Inoltre, presenterò a breve un ordine del giorno – ha concluso il consigliere Camicia – con il quale modificherò il regolamento della raccolta dei rifiuti, affinchè venga sospeso il servizio di raccolta ai morosi con oltre 5mila euro di debiti”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*