Stupro centro storico, arrestato 19enne, accusato anche di altra violenza

 
Chiama o scrivi in redazione




Stupro centro storico, arrestato 19enne, accusato anche di altra violenza

I Carabinieri di Perugia hanno arrestato un 19enne ritenuto responsabile di due violenze carnali ai danni di due ragazze, una delle quali finita in ospedale con 40 giorni di prognosi.  Ad ammanettare il giovane aguzzino l’Arma è arrivata dopo indagini molto articolate.

Il primo episodio risalirebbe al gennaio scorso quando, dopo aver avvicinato una sua conoscente nei pressi di un Centro Commerciale della zona e averla convinta con un pretesto a seguirlo, avrebbe condotto la ragazza in un luogo appartato, dove nessuno poteva scorgerli.

  • Una volta arrivato, crudelmente e senza tenere in conto del diniego della minorenne, l’ha costretta a subire un rapporto sessuale.

La ragazza, spaventata anche dalla fisicità del suo aggressore, non ha urlato, né ha chiesto aiuto e per alcuni giorni non ha parlato di quanto le era accaduto con nessuno. Poi, vincendo timidezza e vergogna, ne ha parlato e lo ha denunciato.

Il secondo episodio, invece, è accaduto nella serata dell’11 giugno quanto il ragazzo, dopo aver conosciuto quella stessa sera una giovane all’interno di un bar del centro storico mentre era in compagnia di alcuni suoi amici, con il pretesto di fumare una sigaretta l’avrebbe invitata a uscire dal locale per condurla in un luogo appartato.

  • Anche qui, incurante della volontà contraria della ragazza, l’avrebbe costretta a subire un rapporto sessuale.

La vittima, cercando di divincolarsi dalla presa del suo aguzzino, l’ha colpito con un calcio e, dopo essersi rivestiva velocemente, è riuscita a tornare nel locale dai suoi amici, ai quali, in preda al pianto, ha confidato l’accaduto.

Le indagini hanno consentito ai Carabinieri di identificare l’aggressore, raccogliere a suo carico gravi e concordanti elementi di colpevolezza. Per lui, quindi, è scattato l’arresto ed è stato associato al carcere di Perugia Capanne.

Questo è quanto riferiscono i Carabinieri, su disposizione della Magistratura inquirente. Sul web, invece, infuria la rabbia di coloro che conoscono il soggetto. Si tratterebbe – il condizionale è d’obbligo – di un giovane di origini sud americane, dell’Ecuador per essere più chiari.

E sui social, corredato di tanto di commenti, circolano anche dei video su di lui realizzati con piccole foto e con del testo sovrimpresso. Foto normali, che lo ritraggono e che sono commentate a testo, proprio accusandolo di questi infami delitti.

Ora dire se questo giovane – anche dal nome e cognome sembrerebbe proprio sud americano – sia o meno il violentatore delle due ragazze, ce ne corre. Per altro, sulla vicenda, c’è un giusto riserbo da parte degli inquirenti.

Abbiamo cercato chi ha realizzato il video postato appare chiaro, su Instagram – lo ripetiamo si tratta di una composizione di foto messe in slide che ci hanno condiviso via social e nulla più-, ma purtroppo il profilo è privato e non ci è stato possibile metterci in contatto con chi lo ha realizzato.

C’è, infine, chi dice che nei giorni precedenti il suo arresto, il ragazzo sia stato visto scendere da un mezzo di trasporto pubblico in una piazzetta come tante di quelle che si trovano nelle frazioni fuori le mura di Perugia.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*