Siria, Emmanuel Macron aggiusta il tiro dopo smentita Casa Bianca

 
Chiama o scrivi in redazione



04/17/2018 Con una dichiarazione netta dalla portavoce Sarah Sanders, la Casa Bianca conferma l’intenzione di un ritiro rapido dalla Siria. Parole che suonano come una secca replica al presidente francese Emmanuel Macron che ieri sera, nel corso di un’intervista a una televisione francese, ha detto di aver convinto Donald Trump, che “dieci giorni fa diceva che gli Stati Uniti dovevano ritirarsi dalla Siria”, che invece “è necessario rimanere”.

Guarda anche: Macron, nostro intervento in Siria legittimo, rassegna stampa

“Noi siamo determinati a sconfiggere completamente lo Stato Islamico e creare le condizioni che ne impediscano il ritorno”, spiega la portavoce invitando gli alleati ad assumersi “una responsabilità maggiore, sia dal punto di vista militare sia finanziario, per mettere in sicurezza la regione”. E ritara le su dichiarazioni, ma intanto…

La Francia revoca la Legion d’ onore al presidente siriano, Bashar Al Assad, che gli era stata assegnata dall’ allora presidente, Jacques Chirac, nel 2001. Istituito da Napoleone Bonaparte, la Legion d’ Onore e’ il piu’ alto riconoscimento al merito concesso dallo Stato francese: Assad ricevette la Gran Croce nel 2001 per mano del conservatore Jacques Chirac, che lo premio’ perche’ “riformista”.

Si tratta di un gesto politico che non viene fatto di frequente. Di recente il dibattito se ritirare il riconoscimento si e’ esteso anche personaggi deceduti che molti sostengono non meritare il titolo, tra gli altri Benito Mussolini, Nicolae Ceauescu, Moammar Gheddafi o Francisco Franco. Macron, che aveva sollevato il problema sin dai primi mesi all’ Eliseo, alla fine dello scorso anno ha avviato la procedura di decadenza nei confronti del produttore americano Harvey Weinstein, accusato di violenza sessuale e lo stupro

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*