Sanità, arresti Umbria, la Lega chiede le dimissioni della giunta regionale 🔴Diretta streaming



Sanità, arresti Umbria, la Lega chiede le dimissioni della giunta regionale

«Chiederemo al Partito Democratico e alla presidente Catiuscia Marini di fare un passo indietro, ormai il tempo è scaduto.» E’ quanto ha dichiarato l’onorevole e segretario regionale della Lega in Umbria, a margine della conferenza stampa di oggi.

Riferendosi agli arresti della sanità che ieri hanno coinvolti alcuni esponenti del partito democratico, compresa la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, Caparvi a sottolineato: «Quello che il PD e la sinistra ha fatto in questi 50 anni, mi sembra chiaro ed evidente, ha portato al tracollo una regione dal punto di vista economico, mancano i presupposti, manca la fiducia che il popolo ha nei confronti di questi rappresentanti politici che, carte alla mano, secondo quello che dice il gip avrebbero usato la loro appartenenza politica per fare delle nomine in sanità. Se poi un domani fosse dimostrato dai giudici, farebbe di fatto crollare la fiducia che abbiamo nella classe dirigente e, quindi, la Lega è pronta ad assumersi le responsabilità del governo di questa regione chiedendo il voto ai cittadini, l’appoggio dei cittadini, in elezioni che dovranno arrivare quanto prima».

«La vita istituzionale dei rappresentanti della Regione Umbria è conclusa, poi se ci sarà uno spirito di sopravvivenza che li vorrà far trascinare fino al 2020, se ne dovranno assumere la responsabilità. Ma credo – ha aggiunto – che l’Umbria abbia delle urgenze economiche e infrastrutturali, di risposte che non stanno arrivando da tanti anni, che chiedono urgenze, chiedono tempi brevi e non sopravvivenza per riorganizzarsi nel partito. La Lega – ha concluso l’onorevole – si muoverà in coalizione nei territori così come sta facendo in altre regioni, anche nella tornata elettorale di maggio 2019. E’ ovvio che sulla regione Umbria la Lega esprimerà una forte presenza alla concorrenza della regione».

Tutti gli eventi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*