Rassegna stampa dell’Umbria lunedì 22 luglio 2019 UjTV News24 LIVE


Rassegna stampa dell’Umbria lunedì 22 luglio 2019 UjTV News24 LIVE



SOLO AUDIO
[wonderplugin_audio id=”1″]



Risse per eccessi di alcol nel weekend, 5 persone in ospedale

Cinque persone sono finite in ospedale a causa di botte e aggressioni. È quanto accaduto nella notte tra sabato e domenica. Tutti e cinque sono arrivati da soli in ospedale e ai sanitari hanno di aver subito delle violente aggressioni. In almeno tre casi – scrive il Messaggero dell’umbria di oggi – si tratterebbe di botte a seguito di eccessi legati soprattutto al bere, gli altri due sono vittime della violenza dentro casa, tra le mura domestiche. Nessuna delle cinque persone che si sono recate in pronto soccorso avrebbe riportato ferite particolarmente gravi. Non è da escludere che nelle prossime ore possano scattare denunce a seguito dei fatti violenti.


 Tentato omicidio giovane prostituta in Puglia, un arresto

Un uomo 41 anni di Palo del Colle (BA) e’ stato arrestato dai carabinieri della compagnia di Molfetta (BA), con l’ accusa di essere l’ autore del tentato omicidio di una 20enne di origine sudamericana, avvenuto domenica 14 luglio, all’ ora di pranzo, in un casolare di Terlizzi, dove giovanissime donne si prostituivano.

La ragazza coinvolta era giunta a Bari da pochi giorni, alloggiando in un albergo della zona, per poi trasferirsi nella zona compresa fra Bitonto (BA), Terlizzi e Ruvo di Puglia (BA) dove quasi tutte le mattine, a bordo di un taxi, giungeva al casolare per prostituirsi insieme ad altre giovani. Domenica 14 luglio, lungo la complanare della SP231, secondo le testimonianze della vittima e di alcuni testimoni, un uomo giunse in tarda mattinata nel casolare a bordo di un SUV.

Da quel momento, in maniera quasi schizofrenica, il cliente inizio’ a chiedere a diverse donne di avere prestazioni sessuali non protette. Due di loro si rifiutarono, mentre la vittima, che non parla italiano e non capi’ le pretese dell’ uomo, dopo parecchie insistenze accetto’ , ma solo per un approccio superficiale. Durante il rapporto, l’ uomo, di corporatura robusta, divento’ sempre piu’ violento fini ad estrarre un coltello con cui colpi’ la vittima in pieno petto, all’ inguine ed ai glutei.

La malcapitata, nonostante le gravi ferite riportate, trovo’ la forza di effettuare col suo cellulare una video chiamata ad una “collega” su Bitonto ma l’ aguzzino, accortosi di quanto accadeva, afferro’ il cellulare e riprendendo la donna ormai riversa al suolo in una pozza di sangue, inizio’ a minacciare l’ interlocutrice dicendole: “Vedi cosa ho fatto! figuriamoci se ho paura della Polizia!“.

Prima di fuggire l’ uomo prese alla ragazza gli orecchini e i soldi. I soccorsi, allertati da un passante, giunsero in tempo per salvare la donna, la quale, dopo aver lottato fra la vita e la morte per due giorni, e’ ora fuori pericolo. I rilievi tecnico-scientifici e la visione di alcune telecamere della zona, le testimonianze raccolte ed altri accertamenti tecnici, hanno permesso all’ Arma di risalire all’ autore del reato, un pregiudicato della zona, gia’ condannato per una serie di condotte illecite fra le quali proprio lo sfruttamento della prostituzione. L’ uomo, un 41enne di origine bitontine, e’ stato cosi’ arrestato e portato nella casa circondariale di Trani.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*