Quale futuro per il fiume Chiascio? Lega Nord lancia l’allarme

La presenza di alberi nel letto del fiume potrebbero creare seri problemi

 
Chiama o scrivi in redazione


Quale futuro per il fiume Chiascio? Lega Nord lancia l’allarme

BASTIA UMBRA –  Con l’arrivo della stagione delle piogge quale futuro per il fiume Chiascio? A lanciare l’allarme il referente territoriale Lega Nord Umbria, David Bonifazi, che ha effettuato un sopralluogo nel pressi di Pianello. “Il fiume è in completo stato di abbandono –  spiega Bonifazi  – chiediamo alla Regione e alla Provincia maggiore attenzione per le ricchezze del nostro territorio.

Da tempo manca la manutenzione ordinaria tanto che ad oggi il letto del fiume è pieno di ghiaia, ci sono detriti ovunque e soprattutto piante che ne ostruiscono il regolare decorso.

E’ necessario intervenire perché con l’arrivo dell’autunno la presenza di alberi nel letto del fiume potrebbero creare seri problemi. Il nostro sopralluogo e la nostra successiva segnalazione – continua Bonifazi – hanno come obiettivo quello di denunciare l’inadempienza di Regione e Provincia, ossia degli enti preposti alla pulitura e manutenzione dei torrenti e fiumi, poiché il problema non è riscontrato solo a Pianello ma in gran parte del corso fluviale.

Una trentina di anni fa – continua Bonifazi – la nostra frazione era maggiormente sicura perché esisteva una piccola diga dove convogliava gran parte dell’acqua, oggi quella che gli abitanti chiamavano la “Chiusa” è stata portata via dalla piena e il muro di sbarramento non è mai stato ripristinato.

E’ ora che sia la Regione che la Provincia, entrambe a stampo Pd,  abbandonino le comode poltrone degli uffici e tornino a girare per le città, gli umbri necessitano di cose ordinarie e la sicurezza cittadina, viste le caratteristiche geografiche della nostra frazione, credo sia una priorità

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*