Presidente Fico al Festival del Giornalismo, qualità informazione deve crescere



Presidente Fico al Festival del Giornalismo, qualità informazione deve crescere

Il presidente della Camera, Roberto Fico, arrivando a Perugia per partecipare a uno degli incontri del Festival del Giornalismo, ha detto: «La qualità dell’ informazione in Italia deve crescere e il faro deve essere l’ indipendenza e il merito, a cominciare dal nostro servizio pubblico che è la Rai».

Il presidente ha partecipato ad un affollatissimo incontro nella Sala dei Notari di Palazzo dei Priori, intervistato da Arianna Ciccone, fondatrice del Festival.

«La Rai – ha detto ancora il presidente Fico – deve servire direttamente i cittadini che pagano il canone, che si paga proprio per uscire dalle logiche governative e politiche. La Rai deve essere totalmente indipendente e le leggi attuali non vanno bene: l’ amministratore delegato – ha concluso il presidente della Camera – non può essere scelto dal governo e dal presidente del Consiglio».

“L’Europa e’ una delle piu’ grandi chance che ha il nostro Paese: nel futuro vedo un’ integrazione europea piu’ forte, che addirittura abbia una voce sola per la politica estera. Nelle Nazioni Unite l’ Europa dovrebbe avere un solo seggio europeo: e’ l’ unico modo in cui potremmo riuscire a contare di piu’ “.

Lo ha detto sempre Roberto Fico, presidente della Camera dei Deputati, ha risposto a una domanda sul futuro dell’ Italia in Europa, intervistato al Festival internazionale del giornalismo di Perugia dall’ organizzatrice Arianna Ciccone. “Se la Russia, la Cina, gli Usa parlano in modo singolo con ogni paese europeo – ha proseguito – il nostro potere contrattuale e’ molto minore. L’ Europa puo’ essere un equilibratore sociale e di costruzione di pace”. A questa risposta, la Ciccone ha commentato: “Abbiamo dato un dispiacere ai sovranisti”. “Se ne faranno una ragione”, ha replicato Fico.

“Attaccare le minoranze, attaccare i piu’ deboli, per la Repubblica italiana e’ sempre sbagliato. Quindi forza Simone, il presidente della Camera e’ con te”. Cosi’ il presidente della Camera dei Deputati, Roberto Fico, a Perugia per il Festival internazionale del giornalismo, ha commentato i fatti di Torre Maura e ha espresso la sua vicinanza al ragazzino che ha sfidato Casa Pound durante la manifestazione contro i rom. “L’ istituzione che io rappresento ha il dovere di stare un ragazzo che dice di stare fuori dalle fazioni politiche, di difendere i diritti delle minoranze e dei piu’ deboli – ha sottolineato Fico – Simone dice che non bisogna soffiare sul fuoco, bisogna risolvere i problemi, ‘ anch’ io sono di Torre Maura e non e’ un problema di rom ma di riuscire a dare una speranza al quartiere’ “.

“Sui diritti non arretriamo di un passo. Tutelare i minori significa farli vivere in una famiglia dove c’ e’ cura e c’ e’ amore”. Lo ha affermato il presidente rispondendo a una domanda sulla famiglia. “Quella cosiddetta naturale fa parte di uno schema culturale, ma la cultura si evolve, cambia”, ha proseguito Fico, che ha poi affronto anche la questione delle adozioni da parte di coppie gay. “Ci sono molti bambini che possono essere adottati e dovremmo velocizzare le pratiche – ha detto – ma e’ meglio che un bambino sia adottato da una coppia di uomini o da una coppia di donne pronti a dargli amore o deve per forza avere una mamma e un papa’?”.

“Sulla questione banche l’obiettivo di tutti è di risarcire i truffati e quindi i risparmiatori. Alla fine si troverà il punto per far sì che i soldi arrivino ai cittadini”, ha detto ancora rispondendo alle domande, Roberto Fico, ma a margine del suo intervento al Festival del Giornalismo di Perugia.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Solve : *
25 ⁄ 25 =