Ponte Bastiola, in via Firenze passano col rosso e raccogliamo anche i preservativi

TANTO QUI, DICONO I CITTADINI, PRIMA O POI CI SCAPPA IL MORTO

 
Chiama o scrivi in redazione


Ponte Bastiola, in via Firenze passano col rosso e raccogliamo anche i preservativi

di Marcello Migliosi
BASTIA UMBRA – “Ogni giorno che scatta il rosso del semaforo, minimo sei sette macchine passano lo stesso, qui, al mattino, raccogliamo i pacchetti dei preservativi. Raccogliamo di tutto, dai profilattici, ai fazzolettini, dalle cicche di sigarette alle salviettine sporche”. Come era stato annunciato già dalla signora Adonella, in via Firenze a Bastia Umbra – proprio alla base del ponte sul Chiascio – sono indiavoliti.

Tutte le mattine – dice il nostro interlocutore – sono costretto a pulire davanti casa perché chi passa e si ferma getta di tutto. La situazione traffico è precaria, ogni volta che scatta il rosso ci sono sorpassi pericolosissimi. Le auto in coda passano ugualmente”. E, col dito, ci indica le auto che, anche mentre lo stiamo intervistando, sorpassano fregandosene della luce rossa del semaforo.

“Se i vigili venissero qui – dice – in una giornata, recupererebbero i soldi per pagare il recupero del ponte”. Certo è un considerazione inverosimile, ma molto, molto amara, questa del cittadino che ci ha chiamati.

“Qui – dice – non c’è nessuno che controlla. E poi – dice ancora – sul ponte non è permesso di transitare ai pullman di una certa grandezza, mentre, invece, camion di sabbia e sassi, possono transitare. I nostri bambini o chi ha bisogno di un mezzo pubblico – dice – è costretto ad andare a Bastiola oppure davanti al cinema a Bastia, è una situazione insostenibile”.

Proprio mentre stiamo terminando l’intervista arriva la signora Adonella Castellini, la signora che aveva fatto la denuncia di ieri.

“Io continuo – dice – e non mi fermo più. Lo smog che respiriamo…per uscire da casa ci dobbiamo mettere mezz’ora. Carichi un figlio in auto e rischi ogni volta. Dopo un anno e mezzo – dice con forza – credo non sia più accettabile che ancora si continui a far finta di niente. Che la è di qualcun altro, che devono fa’ il progetto, bastaaaa, o un progetto semplice o cambino la viabilità. Si faccia un senso unico, Inventassero qualche cosa ma devono, assolutamente, annullare questa situazione”.

La signora non le manda a dire eh! “Chiamerò Striscia la notizia – minaccia – e lo farò a breve se non fanno niente, almeno Striscia la Notizia parlerà con il Sindaco. Vedremo no”.

C’è un’altra persona, che vuol rimanere anonima, che dice che, addirittura, c’è chi attraversa il ponte con i carrellini della spesa.

Ma c’è di più, le biciclette, che certo non hanno la stessa velocità delle auto, passano quando è verde, ma arrivano neanche a metà percorso che incrociano le altre auto che sono passate perché, intanto, è scattato l’altro colore dall’altra parte. Non basta ancora, però, alcuni ciclisti, fregandosene del rosso, passano lo stesso mettendo in seria difficoltà gli automobilisti che arrivano dalla direzione opposta.

“Sì, sì – affermano i residenti – tanto qui, prima o o poi, ci scappa il morto”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*