Pensioni d’oro, Luigi Di Maio, taglio sale al 40per cento, video LaPresse


Pensioni d’oro, Luigi Di Maio, taglio sale al 40per cento, video LaPresse

Acque agitate nel governo sulla ecotassa per le auto più inquinanti inserita con un emendamento nella manovra in Commissione Bilancio. Salvini avvisa: “Io dico no, questa norma non avrà i voti della Lega”. Il provvedimento è caro ai 5 Stelle che vogliono incentivare l’acquisto di auto elettriche. Luigi Di Maio apre a correzioni e annuncia un tavolo tecnico con costruttori e associazioni dei consumatori. “Non vogliamo mettere tasse alle auto, vogliamo dare bonus a chi acquista. “Il taglio alle pensioni d’oro entrerà nella legge di bilancio al Senato la settimana prossima. E quindi passiamo dal 25% al 40% di tagli sulle pensioni d’oro”. Il vicepremier e ministro del Lavoro Luigi Di Maio, parlando con i cronisti dopo il vertice a Palazzo Chigi, annuncia le novità della Manovra da apportare al Senato mentre il governo ha posto la questione di fiducia alla Camera sul maxiemendamento che include le modifiche approvate il commissione.



Mentre tiene banco la polemica sull’ecotassa sulle auto (balzello o bonus?) l’esponente cinquestelle annuncia: “A febbraio la pensione minima sarà alzata a 780 euro a tutti i pensionati in difficoltà, le pensioni di invalidità a 780 per tutti i disabili in difficoltà, a febbraio parte quota 100 per coloro che non potevano andare in pensione a causa della Fornero adesso ci possono andare e a marzo si parte col reddito di cittadinanza per trovare lavoro a tanti ragazzi”.

Esecutivo in bilico tra promesse e bilancio. “È stato un vertice nel quale abbiamo affrontato alcune questioni da portare nella legge di bilancio al Senato: come sapete c’è in corso una trattativa con l’Europa per portare a casa la Manovra, non tradire i cittadini, non tradire le promesse ed evitare la procedura di infrazione”, ha detto Di Maio al termine del vertice a palazzo Chigi con Matteo Salvini e Giuseppe Conte. IL TEMPO

Diretta Euronews

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*