Luigi Di Maio, il Centrodestra è un artifizio elettorale, aut aut a Salvini

 
Chiama o scrivi in redazione



04/18/2018 Luigi Di Maio, il Centrodestra è un artifizio elettorale, aut aut a Salvini “Il centrodestra per noi è un artifizio elettorale”. Lo dice il leader M5s Luigi Di Maio, al termine dell’ incontro con la presidente del Senato Elisabetta Alberti Casellati. Nel primo giro di consultazioni, nella immediatezza del mandato ricevuto dal Capo dello Stato, il presidente del Senato, Elisabetta Casellati, ha deciso autonomamente di convocare i partiti separatamente. Una decisione che, si fa notare a Palazzo Madama, non ha alcuna valenza politica, ma esclusivamente di metodo. Il leader del Movimento 5 stelle, Luigi Di Maio, dopo il colloquio con Casellati, davanti alla stampa aveva definito il centrodestra un “artifizio elettorale” e sottolineato che Lega, FI e FdI si e’ presentato diviso alle consultazioni a Palazzo Giustiniani.

© Protetto da Copyright DMCA

Guarda anche: Conferito mandato a Maria Elisabetta Alberti Casellati, ma sarà dura

“Luigi Di Maio chieda ai cittadini delle Regioni e dei Comuni che il centrodestra amministra bene e con risultati eccellenti da anni, se la coalizione e’ un artifizio elettorale creato ad hoc per il 4 marzo e poi renda le sue dichiarazioni inerenti alla realta’ . Insistere con una narrazione fittizia che esiste solo dentro al M5S non porta infatti a nessun risultato”, afferma Mara Carfagna. La vicepresidente FI della Camera, rileva che “siamo una forza di governo coesa, che collabora da tempo con sinergia e comunione di intenti, pur incarnando anime e sensibilita’ diverse. L’ Italia non ha piu’ tempo da perdere, il Paese non puo’ piu’ rimanere bloccato a causa dei capricci e dell’ infantilismo politico del Movimento 5Stelle e del suo leader”.

“In democrazia – conclude – non esistono i veti ad personam, quelli sono propri dei regimi autoritari. In democrazia ci si confronta su temi e programmi e si prova a cercare delle convergenze per rispondere ai bisogni e ai problemi dei cittadini. Ma forse pretendere assennatezza e ragionevolezza dal Movimento Cinquestelle e’ troppo”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*