LIVE Streaming – Rassegna stampa in diretta 11 ott 23

LIVE Streaming


LIVE Streaming – Rassegna stampa in diretta 11 ott 23



Aeroporti: Aci, ad agosto passeggeri Europa quasi a livelli pre covid, in 2023 al 95,5%

Il traffico passeggeri sulla rete aeroportuale europea ad agosto si è attestato ad appena – 3,4% rispetto al pre-pandemia (agosto 2019), un livello simile a quello raggiunto nel mese precedente (luglio 2023 a -3%). Rispetto ad agosto 2022, i volumi di passeggeri sono aumentati del +11,6%, con il traffico passeggeri internazionale (+13,2%) in espansione al doppio del tasso del traffico passeggeri nazionale (+6%). E’ la fotografia che scatta Aci Europe, l’associazione degli operatori aeroportuali europei, nel sottolineare la “continua resilienza della domanda passeggeri” in un mercato dell’aviazione che mostra, comunque, dei cambiamenti strutturali.

Facendo il punto sulla forte performance del traffico passeggeri durante l’estate e sulla continua resilienza della domanda, nonostante le persistenti pressioni inflazionistiche, le tariffe aeree persistentemente più elevate e l’aumento delle tensioni geopolitiche, Aci Europe ora prevede il l traffico passeggeri nel 2023 al 95,5% dei volumi pre-pandemia (2019), rispetto al 91% delle previsioni precedenti (dicembre 2022). Per il 2024 si può stimare una piena ripresa del traffico passeggeri in anticipo di un anno rispetto alla precedente previsione. Di conseguenza, il traffico passeggeri negli aeroporti europei dovrebbe attestarsi al +1,4% rispetto ai livelli pre-pandemia (2019) nel 2024 (anziché al -2% come da previsione precedente). Il traffico passeggeri al 2027 è previsto in crescita del 9,2% rispetto ai livelli pre-pandemia (2019), solo marginalmente superiore rispetto alla precedente previsione (+9%).

Tuttavia, Aci Europe segnala che dietro questi dati principali a livello di rete, gli aeroporti di tutta Europa continueranno a segnalare variazioni significative nelle loro prestazioni di traffico passeggeri, almeno nel medio termine. Olivier Jankovec, Direttore Generale di Aci Europe, ha commentato: “Quello che stiamo vedendo è che non tutti gli aeroporti si stanno riprendendo allo stesso ritmo. Mentre quasi il 50% degli aeroporti europei ha ormai superato i volumi di passeggeri pre-pandemia – con alcuni addirittura in crescita esponenziale – tutti gli altri rimangono al di sotto, con alcuni che ancora lottano per recuperare in modo più dinamico. Ciò significa che molti aeroporti potrebbero non tornare ai loro volumi pre-pandemia prima del 2026, o anche più tardi”, commenta Olivier Jankovec, Direttore Generale di Aci Europe.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*