La rassegna stampa in pdf dell’11 agosto 2020, in video

 
Chiama o scrivi in redazione






Il Perugia inciampa a Pescara: 2-1 per evitare il baratro la carta “Curi”

di Elio Clero Bertoldi
PERUGIA – Illude per un tempo il Perugia, poi si scioglie come neve al sole. E alla fine a gioire nella prima gara dei playout tocca al Pescara. Cosa sia successo all’intervallo ai rossi di Oddo, che sembravano padroni del campo, non è facile capirlo. Forse il pareggio di Galano ha destabilizzato gli ospiti. Così, nella notte di San Lorenzo, uno dei protettori di Perugia, gli umbri versano qualche lacrima, da riscattare venerdì al ritorno.

E’ Kastanos, la novità in formazione di Sottil. Oddo invece punta Kouan (scelta più significativa insieme a quella di Falcinelli (preferito a Iemmello), unica punta sostenuto da Capone. In fase di non possesso i biancorossi, in maglia rossa, si schierano in difesa a cinque.

Il Perugia inizia con un discreto possesso palla e anche con vivace aggressività, sebbene serva un quarto d’ora per rendersi pericoloso. Zappa atterra Falasco e sulla punizione conseguente il colpo di testa di Kouan finisce a lato sulla sinistra di Clamorosa occasione in ripartenza 3 contro 2 dei biancorossi ma Falzerano, che ruba la palla agli avversari, poi sbaglia il facile passaggio su Falcinelli. Il Pescara risponde con una punizione velenosa di Memushaj, sebbene il colpo di testa di Scognamiglio finisca altissimo. Un brivido per gli umbri al 28′: Pucciarelli sgancia un traversone, che per fortuna esce sul fondo, sul secondo palo. Alla mezz’ora violento tiro di sinistro, anche se centrale, di Falcinelli: Fiorillo respinge in tuffo, a fatica.

Il gol perugino arriva al 39′. Fugge sulla destra Falzerano e supera Sognaniglio mettendo un pallone d’oro in area: sul secondo palo arriva Kouan che insacca col mancino.
La Var (novità in B) chiamata in ballo per un presunto fallo di mano di Gyombér. Nulla di fatto.

Prende uno sterile possesso palla il Pescara, alla ripresa del gioco, senza portare pericoli a Vicario. Poi, al 12′, una fiammata: Masciangelo serve al centro e Galano di testa gonfia la rete. Cavalca l’onda la squadra di casa e Vicario in una manciata di secondi deve dire di no prima a Memushaj e poi a Campagnaro.

Al 76′ calcio dirigere per fallo di mano di Falcinelli. Maniero spiazza Vicario. Al 35′ Galano chiama ancora con una gran bordata ad un intervento salvifico Vicario. Grazie ad una giocata al bacio di Melchiorri il Perugia sfiora il pareggio. Finisce con momenti caotici e nervosi. Ora la parola passa al Curi. Obiettivo il baratro da evitare.

Pescara-Perugia 2-1
PESCARA (4-3-2-1): Fiorillo; Zappa, Scognamiglio, Campagnaro, Masciangelo; Memushaj, Palmiero (28′ st Busellato), Kastanos (36′ st Crecco); Galano (41′ st Bettella), Pucciarelli (41′ st Borrelli); Maniero (36 st Bocic). A disp.: Alastra, Del Grosso, Bruno, Elizalde, Clemenza, Pavone, Melegoni. All.: Sottil.
PERUGIA (4-3-2-1): Vicario; Rosi, Gyombér, Sgarbi (28′ st Nzita), Falasco (40′ st Dragomir); Falzerano (18′ st Buonaiuto), Carraro, Kouan; Mazzocchi, Capone (18′ st Buonaiuto); Falcinelli (28′ st Melchiorri). A disp.: Fulignati, Albertoni, Iemmello, Konate, Righetti. All.: Oddo.
ARBITRO: Marinelli.
MARCATORI: Kouan 39′ pt, Galano 12′ st, Galano (rig) al 22′ st.
AMMONITI: Gyombér, Busellato.
NOTE: Espulso al 45′ il team manager del Pescara. Ang.: 9-5 per il Pescara. Rec.: 3′ pt, 10′ st.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*