La Borsa di Umbria Journal TV del 7 febbraio 2017

L'euro, dopo la chiusura di Wall Street, è scambiato a 1,0686 dollari. L'euro arretra a 119,97 yen. Il dollaro è scambiato a 112,34 yen

La Borsa di Umbria Journal TV del 7 febbraio 2017 MILANO – Le Borse europee chiudono contrastate. Dopo un avvio debole, rimbalzano e terminano miste, con Milano e Parigi in territorio negativo, penalizzate dalle incertezze politiche che in Europa si sono rafforzate per il timore della ‘Frexit’ e delle elezioni anticipate in Italia. Londra avanza dello 0,2% a 7.186,22 punti. Milano scende dello 0,17% a 18.662,61 punti, con Unicredit in rialzo invece dello 0,49%. Il Dax a Francoforte sale dello 0,34% a 11.549,44 punti. Parigi invece cede lo 0,49% a 4.754 punti, Madrid lascia sul terreno lo 0,28% a 9331,50.

La Borsa di Tokyo termina gli scambi in lieve ribasso a causa dell’incertezza generale sulle prossime politiche decise dall’amministrazione Usa di Donald Trump e il conseguente apprezzamento dello yen sul dollaro: l’indice Nikkei perde lo 0,35% a quota 18.910,78, cedendo 65 punti. L’Hang Seng di Hong Kong ha chiuso a 0,07% a 23.335,16.

Chiusura in territorio positivo per Wall Street. Il Dow Jones sale dello 0,19% a 20.090,02 punti, il Nasdaq avanza dello 0,19% a 5.674,22 punti mentre lo S&P 500 mette a segno un progresso dello 0,02% a 2.293,06 punti.

L’euro, dopo la chiusura di Wall Street, è scambiato a 1,0686 dollari. L’euro arretra a 119,97 yen. Il dollaro è scambiato a 112,34 yen.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*