Inchiesta sanità, per 7 dei 9 indagati c’è associazione per delinquere 



Inchiesta sanità, per 7 dei 9 indagati c’è associazione per delinquere

Il riconoscimento dell’accusa di associazione per delinquere per 7 dei 9 indagati dell’inchiesta sulla sanità. I giudici, in sede di appello, hanno dunque accolto il ricorso della Procura.

Per il Tribunale del riesame di Perugia, nell’inchiesta sui concorsi all’ospedale del capoluogo umbro per sette indagati sussistono “gravi indizi di colpevolezza” riguardo all’associazione per delinquere contestata dalla procura ma esclusa dal gip nell’ordinanza di custodia cautelare. I giudici hanno così accolto l’appello proposto dai magistrati.

Il provvedimento riguarda l’ex direttore generale dell’Azienda ospedaliera Emilio Duca, l’ex direttore amministrativo Maurizio Valorosi e altre cinque persone. Il reato non viene contestato ad alcun politico. Il Riesame ha inoltre ridotto da sei mesi a 60 giorni la durata della misura interdittiva dal servizio per sei dipendenti dell’ospedale.

Leggi anche: Inchiesta sanità, Bocci rimane agli arresti domiciliari, rigettata la richiesta

Leggi anche: Inchiesta sanità Luca Barberini deve tornare agli arresti domiciliari

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*