I giornali in pdf del mattino, la video rassegna stampa 7 luglio 2020

 
Chiama o scrivi in redazione



I giornali in pdf del mattino, la video rassegna stampa 7 luglio 2020



Dottoressa perugina fa il pieno di titoli,110 e lode, sono i ricercatori di domani

 

di Mario Mariano

Domiziana Pedini, laureatasi la settimana scorsa in Medicina e Chirurgia , è andata otre il 110 e la lode, discutendo una tesi su “ Analisi dei fattori di rischio e dell’incidenza di fibrosi epatica a lungo termine dopo trapianto di fegato pediatrico” . Oltre ad anticipare la laurea di alcuni mesi, ha avuto come esaminatori due super esperti della patologia nazionale e internazionale, la la professoressa Olivia Morelli docente dell’Università di Perugia e il dott. Marco Spada, dIrettore della Clinica di Chirurgia Epato-Bilio-Pancreatica e dei Trapianti Addominali dell’Ospedale Pediatrico “Bambino Gesù” di Roma.

Ma ci sono anche altri meriti che rafforzano la convinzione che la passione per la medicina è già alta durante il periodo di tirocinio.

La neo dottoressa si è aggiudicata una borsa di studio che le ha permesso un corso di formazione alla Mie University in Giappone e alla Warhawks Medical University. La tesi discussa, dicono gli esperti, meritata attenzione visto che il tema delle complicanze nel trapianto di fegato in età pediatrica, presenta aspetti che riguardano anche l’ambito dell’epatalgia dell’adulto.

‘Ndrangheta, il comune di Perugia ammesso come parte civile nel maxi processo

Il Comune di Perugia è stato ammesso come parte civile nel maxi processo contro i 95 imputati delle due inchieste coordinate dalla Dda di Catanzaro “Malapianta” e “Infectio” e che vede nel mirino ventitré perugini. Lo ha deciso il giudice per l’udienza preliminare. Il giudice ha inoltre rigettato le eccezioni di incompetenza territoriale, che resta, dunque, di Catanzaro.

Per motivi di spazio le udienze preliminari si stanno celebrando nell’aula bunker del carcere di Rebibbia visto il numero di parti coinvolte nel procedimento. Le accuse, a vario titolo, sono di associazione mafiosa, associazione finalizzata al traffico di stupefacenti, detenzione e occultamento di armi clandestine, minacce, violenza privata e reati di natura contabile.

Alcuni degli imputati hanno chiesto di poter accedere a riti alternativi (abbreviato e patteggiamento), tutti gli altri procederanno con l’eventuale processo ordinario. Il Comune di Perugia ha avanzato una richiesta risarcitoria pari a tre milioni di euro. Palazzo dei Priori è rappresentato dall’avvocato Massimo Brazzi,

Sono parti civili anche il Comune di Cutro, la Regione Calabria e diverse società.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*