Google rompe con Huawei guerra dei dazi, chi ci rimette secondo voi


Google rompe con Huawei guerra dei dazi, chi ci rimette secondo voi

Niente più aggiornamenti Android per i telefoni cellulari prodotti dal gigante cinese Huawei. Lo ha deciso Google in applicazione di un ordine esecutivo del presidente Donald Trump che include la compagnia cinese nella lista di quelle considerate a rischio per la sicurezza nazionale. Le conseguenze della decisione sul piano commerciale sono state indicate da un tweet dell’account ufficiale di Android: ” (…) mentre rispettiamo tutti i requisiti del governo USA, servizi come Google Play e Google Play Protect continueranno a funzionare sui dispositivi Huawei esistenti.”

Il giro di vite voluto da Trump colpisce Huawei anche dall’Europa, dove il costruttore tedesco di chip Infineon ha annunciato la sospensione delle proprie forniture alla compagnia cinese, in ottemperanza alle condizioni richieste dagli Stati Uniti. “Infineon ha una forte presenza negli Usa, e gli Usa hanno deciso di boicottare Huawei condizionando la rete dei suoi fornitori. Piuttosto che vedere soffrire i propri affari Infineon ha scelto di mettere Huawei nella sua lista nera”, spiega Robert Halver, analista della Baader Bank.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*