Fibra ottica, il Comune di Assisi entra nella rete ad alta velocità regionale

Una città sempre più interattiva, multimediale, aperta, vicina ai cittadini, in una parola “smart”

 
Chiama o scrivi in redazione


Fibra ottica, il Comune di Assisi entra nella rete ad alta velocità regionale

Allacciate alla fibra ottica le sedi comunali e le prime scuole. Finalmente anche il Comune di Assisi corre veloce e potrà offrire servizi ai cittadini sempre più efficienti. Il cambio di passo è netto.

Velocità connessione internet Prima Oggi (con rete UmbriaDigitale)
Download > 2,7 mbit/s 133,1 mbit/s
Upload > 1,1 mbit/s 77,6 mbit/s

Questa rete pubblica a banda larga ed ultralarga della Regione Umbria (Legge Regionale n.31 del 2013) è fondamentale per entrare con decisione nell’epoca dell’amministrazione digitale.
Assisi è una città antica, che ha un patrimonio artistico e spirituale straordinario, che vuole cogliere la sfida del futuro e della innovazione.

“Avendo oggi a disposizione l’infrastruttura – è stato detto – potremo in brevissimo tempo progettare e realizzare un’Assisi sempre più interattiva e “smart”.

Le priorità saranno:
> wi-fii gratis nelle piazze di Assisi e di Santa Maria degli Angeli
> accesso veloce ai portali turistici ed informativi del Comune
> app specifiche e realtà aumentata
> sviluppo dello “Sportello Unico per le Attività Economiche ed Edilizia”, per pratiche 100% online
> diffusione della fibra ottica anche in altri edifici comunali (Palazzo del Perdono, Teatro Lyrick, Info Point Turistico Assisi, Palazzo Bernabei, Scuole, Spazi pubblici)
> realizzazione di POS (Public Open Spaces), Urban Lab, Living Lab, Spazi di Coworking
> nuovi software gestionali interni e nuovo assetto per rendere i processi del comune più efficienti
> migrazione nel “datacentre” regionale per garantire massima efficienza e sicurezza ( Continuità Operativa, Disaster Recovery, ecc.)
> Internet of Things / sensori, monitoraggio, analisi dati > la città diventa interattiva

“Possiamo dire – hanno concluso – che, con questa nuova infrastruttura, abbiamo cambiato il motore della macchina amministrativa. Ora bisogna partire, progettare e realizzare la città che vogliamo. Una città sempre più interattiva, multimediale, aperta, vicina ai cittadini, in una parola “smart”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*