Esibizioni e sesso, si spoglia in un parco perugino ? Video



Esibizioni e sesso, si spoglia in un parco perugino ? Video

La foto che vedete è stata scattata all’inzio di questa torrida estate e, ovvio, chi ce l’ha inviata – insieme a tante altre – ha chiesto di restare anonimo, e noi questo facciamo. Si vede il corpo, piuttosto obeso per la verità, di una persona che si “esibisce” nuda appoggiata all’auto. Chi ha scattato riferisce di averlo fatto in uno dei tanti parchi che ci sono a Perugia e dintorni, alcuni dei quali utilizzati per fare sesso e per scambio di coppie.

Sarà il caldo o chissà quale altro recondito motivo che spinge le persone, soprattutto con l’arrivo della bella stagione, a fare sfogo ai propri istinti bestiali.

Basta andare, per esempio, nella zona industriale di Sant’Andrea della Fratte, per esempio, ed è facilissimo incontrare transessuali seminudi. E questo, con tutte le riserve del caso, fa parte del “mestiere“, ma vedere, che nell’ampio parco che costeggia la via, i viados si appartano sotto le piante con i clienti è tutt’altra cosa.

Ma non sono solo i parchi, però, ad attrarre chi ha necessità di tali “esibizioni”. Sì, perché ci sono anche le aree di sosta lungo la E45 che sono piuttosto “transitate” da chi è in cerca, diciamo così, di “emozioni forti“. Zona Lidarno/Ponte Felicino, per esempio, ma anche sul Raccordo Perugia Bettolle RA6, area di parcheggio zona Corciano, per esempio,

In città, a Perugia, basta andare al colle della Città della Domenica, ovvio in orari notturni, e se ne vedono delle belle. Al Lago Trasimeno, per esempio, le coppie dai “bollenti spiriti”, si vedono a Torricella.

Ponte San Giovanni al piazzale Bellini e poi nelle diverse aree verdi. Pare, insomma, che neanche Perugia e dintorni sia immune dal male del sesso all’aperto e dell’esibizionismo. Sì, ogni tanto, ci sono dei repulisti da parte delle Forze dell’ordine, ma capite bene che non si può star dietro a “scelleratezze” simili e magari mollare controlli di tutt’altra natura ed efficacia nel contrasto alla criminalità.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*