Dai carabinieri forestali 717 mila euro di sanzioni nel 2023

Dai carabinieri forestali 717 mila euro di sanzioni nel 2023

Sono stati 1.791 gli illeciti amministrativi, con un importo totale notificato di oltre 717 mila euro, contestati dal comando regione carabinieri forestale “Umbria” nel corso del 2023. I dati sono stati presentati nella sede di via Bonfigli, a Perugia, dal tenente colonnello Carlo Saveri. Incendi boschivi, discariche e rifiuti, edilizia, tutela della fauna selvatica e maltrattamento di animali sono stati i principali fronti dell’attività che ha portato a contestare 528 reati e denunciare 359 persone, quest’ultime in crescita rispetto al 2022. Il comandante Severi ha sottolineato che è stato riscontrato un calo di incendi boschivi, 58 nel 2023 rispetto ai 122 del 2022.

Sono andati a fuoco 65 ettari: nella zona di Avigliano Umbro, ad aprile, l’incendio con superficie più estesa (6 ettari). Oltre ad 880 controlli fatti, l’attività di indagine ha portato a denunciare un presunto responsabile di roghi avvenuti in zona lago di Corbara, più 12 persone per il reato di incendio boschivo colposo. Nel territorio della provincia di Perugia, è stato sottolineato, si sono verificati più incendi in primavera (10) che in estate (quattro). Riguardo i rifiuti, sono state 97 le persone denunciate, 15 i sequestri penali con 177 illeciti accertati per un valore di sanzioni superiore a 200 mila euro. I controlli sono stati 5.517.
Invariati rispetto al 2022 i dati sulle verifiche in ambito di edilizia, con 61 denunciati. Tredici invece le denunce in ambito di attività per la tutela della fauna selvatica, che registra 4.268 controlli totali.

In tema di maltrattamenti animali, dati in crescita per controlli (747) e reati (14) rispetto all’anno precedente.
Nell’ambito delle numerose campagne di controllo, particolare attenzione è stata dedicata al tema della peste suina africana, per cui “ad oggi non risulta notizia di casi”, così come al fronte di esche e bocconi avvelenati “che in Umbria è un fenomeno reale”. Reparti al lavoro anche sul bracconaggio ittico e sul fenomeno della pesca con elettrostorditori. I dati dell’attività sono stati approfonditi dal colonnello Loredana Farneti, comandante Cites, e dal tenente colonnello Elena Candela, comandante di Terni e dirigente Nipaf.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*