Coronavirus, Squarta, negozi chiusi, Umbria regione più penalizzata

 
Chiama o scrivi in redazione




Coronavirus, Squarta, negozi chiusi, Umbria regione più penalizzata

«Per centinaia di piccole imprese stremate dal lockdown ogni giorno di ulteriore attesa rischia di avvicinarle al definitivo collasso. L’impatto del Covid-19 sulla nostra economia è profondo perciò serve coraggio e buon senso». Lo dice in una nota il presidente dell’Assemblea legislativa umbra Marco Squarta. «Non raccogliere la proposta formulata dalla Conferenza delle Regioni a proposito della riapertura degli esercizi commerciali significherebbe per il governo assumersi la responsabilità di tenere ancora centinaia di migliaia di lavoratori a casa. Se le cose dovessero rimanere in questo modo – spiega l’esponente di Fratelli d’Italia – l’Umbria risulterebbe senza dubbio la regione più penalizzata in quanto, secondo le stime dell’Istituto Superiore di Sanità, è l’unica sotto la soglia di 0,2 riguardante l’indice di contagio R0».

Prosegue Squarta: «Nel rispetto delle norme di sicurezza sanitaria l’attuale valore umbro può autorizzare i trasferimenti tra territori, concedendo un po’ di sollievo a quasi un milione di persone che in questo periodo di lockdown hanno dimostrato straordinario rispetto delle regole e senso civico, oltre che una doverosa opportunità ai titolari di esercizi commerciali costretti ancora a rimanere alla finestra in attesa delle decisioni dell’esecutivo nazionale».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*