Coronavirus, sostegno agli studenti, ne parla l’onorevole Lega, Toccalini

 
Chiama o scrivi in redazione




Coronavirus, sostegno agli studenti, ne parla l’onorevole Lega, Toccalini

da Alessandra Valentini
Il Coronavirus oltre al danno sanitario ed economico ha creato disagio anche al comparto scolastico. Nessuno poteva prevedere tutto questo e di conseguenza non eravamo preparati per affrontare questa situazione. La didattica a distanza sopperisce almeno in partealla mancanza delle normali attività scolastiche ma non è la stessa cosa. Ne sanno qualcosa i bambini delle prime classi delle elementari, anni fondamentali per creare le basi dell’apprendimento in cui avere la presenza dell’insegnante accanto è importante. In questo periodo molti genitori sono a casa in quarantena e possono aiutare i propri figli, anche i più piccoli a seguire e non restare indietro laddove la tecnologia non può arrivare perché serve una presenza accanto, ma a settembre i genitori saranno tornati al lavoro e non sempre le figure dei nonni possono essere in grado di coadiuvare i nipoti in queste attività multimediali, si spera pertanto che le scuole possano riaprire. Diverso discorso è per gli studenti più grandi come gli universitari che, se non hanno particolari problemi a seguire le lezioni a distanza, hanno diverse difficoltà nel conseguimento degli esami scritti o pratici e sono fortemente penalizzati dalla sospensione dei tirocini formativi, cosa che determinerà ritardi al completamento del percorso di studi.

Ulteriore danno per gli studenti e per le famiglie da tenere in considerazione è quello economico legato al costo del mantenimento di un figlio agli studi. Gli studenti  fuori sede sono legati da contratti al pagamento di affitti pur non usufruendo più del servizio scolastico. Non pagare questo canone significherebbe arrecare danno al locatore dell’immobile ma per le famiglie in questo momento può rappresentare una spesa difficoltosa da sostenere. Servono provvedimenti specifici per aiutare le famiglie a far fronte a queste ulteriori spese derivate dai ritardi dovuti dal coronavirus. E’ questo che ha chiesto l’on. della Lega Luca Toccalini al governo. Purtroppo ci dice che non c’è ancora stata risposta alle richieste di sostegno economico per i ragazzi e si spera che il Ministro dell’istruzione prenda in seria considerazione la condizione degli studenti  stanziando importi per far fronte a tutte queste necessità inaspettate.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*