Coronavirus, informazione e/o disinformazione? In Umbria non vi sono casi sospetti

 
Chiama o scrivi in redazione




Coronavirus, informazione e/o disinformazione? In Umbria non vi sono casi sospetti

In Umbria non vi sono casi sospetti di coronavirus e la situazione è del tutto sotto controllo. È questo il messaggio con cui si è aperto, nel pomeriggio di martedì 18 febbraio, l’incontro sul “Coronavirus: informazione e/o disinformazione? Le istituzioni rispondono ai cittadini”, organizzato da Comune di Perugia, Università e Regione dell’Umbria con la collaborazione di medici e scienziati. Ad affermarlo i referenti della sanità regionale, che hanno sottolineato come l’Umbria sia stata una delle prime regioni ad attivare una task force di specialisti e il numero verde a cui i cittadini possono rivolgersi (al quale, peraltro, negli ultimi giorni si sono notevolmente ridotte le telefonate, a testimonianza della crescente informazione riguardo all’emergenza).

Da più parti, nel corso dell’incontro, è venuto l’invito ad affidarsi con fiducia a medici e scienziati e alle informazioni che da essi provengono. In troppi contesti -è stato sottolineato- ci affidiamo a internet, senza chiederci che autorevolezza hanno le informazioni che vi si trovano. Al contrario, l’Università italiana e quella perugina in particolare sono una garanzia per il nostro territorio e non solo, come ha dimostrato il fatto che l’Italia è stato il primo paese ad isolare il nuovo coronavirus. Università che, a Perugia, è stato evidenziato, non ha paura e, anzi intende mandare un messaggio di solidarietà alla grande comunità cinese che studia nella nostra città.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*