Cinquemila persone per la chiusura della campagna elettorale di Vittoria Ferdinandi

Cinquemila persone per la chiusura della campagna elettorale di Vittoria Ferdinandi

di Antonella Valoroso
«Stasera è la degna conclusione di una campagna elettorale straordinaria, portata avanti casa per casa, strada per strada, dialogando con i cittadini, con la fiducia per le battaglie che abbiamo fatto, per le proposte che presentiamo». Per il suo discorso di chiusura Vittoria Ferdinandi sceglie le parole con cui Enrico Berlinguer, il 7 giugno di quarant’anni fa, concludeva a Padova l’ultimo dei suoi memorabili discorsi. E sceglie di essere tra la gente, in una Piazza IV Novembre che l’accoglie tra cartelli colorati e bandiere sventolanti e che non si stanca di scandire il suo nome.

«Mentre qualcuno si nasconde nei recinti privati -prosegue la candidata sindaca- noi siamo nello spazio pubblico, perché non abbiamo paura di aprirci a chi non la pensa come noi».

Rivendica con orgoglio i risultati raggiunti con la sua rivoluzione gentile, con la lucida follia che in tre mesi l’ha portata ad attraversare a piedi tutti e 52 i quartieri e le frazioni che compongono il territorio di Perugia in una sorta di rito di riappropriazione. Per ritrovare il contatto con le persone, per restituire la voglia di partecipare agli anziani e ai giovani che «non hanno bisogno di un drink, ma di essere ascoltati perché -sottolinea- senza i giovani la politica è morta».

Mentre le immagini che scorrono sul maxischermo raccontano le lunghe settimane di campagna elettorale, ricorda il primo evento al Capitini: «Vi avevo promesso che vi avrei portato fino al mare.

Oggi mi accorgo che il mare è già qui. Un mare di persone che mi dà la misura del miracolo che abbiamo compiuto costruendo un’alleanza che molti credevano impossibile. Il nostro è stato un percorso fatto di ascolto, di abbracci, di idee, di partecipazione, di sorrisi e di lacrime, ci siamo fatti guidare dalla gentilezza, dall’amore, dalla gioia e dal desiderio. Dalle speranze individuali che diventano progetti politici comuni. Dalle visioni che sono necessarie a costruire un mondo più giusto per tutte e tutti».



È un fiume in piena, Vittoria Ferdinandi, dimentica di avere un discorso scritto sul leggio ma non dimentica di toccare i temi più cari al popolo che grazie a lei si è ritrovato in piazza: giustizia sociale, accoglienza, diritti, lotta al precariato, perché «parlare di sanità, cultura e felicità è politica!».

Rivendica il contributo fondamentale che da sempre le donne hanno saputo dare alle politiche di cambiamento e ribadisce che se diventerà la prima sindaca di Perugia (e non sindaco donna!) farà in modo che la città diventi davvero inclusiva.

Ricorda gli attacchi subiti e i tentativi di delegittimazione che non hanno fatto altro che rafforzare la voglia di lottare perché Perugia possa tornare ad essere la città di Capitini e di San Francesco, una città contro la guerra e dalla parte dei popoli.

«Quale che sia il ruolo che ci aspetta da lunedì -conclude Ferdinandi- voglio dire che Perugia bisogna amarla e non usarla. Perugia bisogna servirla con amore e generosità perché è il massimo onore che un perugino possa ricevere. Noi vogliamo cambiare questa città e non solo governarla. La bellezza di questo nostro percorso è stato quello di andare con il sorriso incontro alle persone, alle contraddizioni, ai bisogni e alle mancanze, senza paura. Accogliendo l’altro come opportunità e non come un problema. Per noi l’unicità e la diversità sono una ricchezza. Non abbiamo paura di sognare perché abbiamo lo sguardo rivolto al cielo. Siamo persone libere e fiere, non abbiamo catene. E questo è ciò che agli altri fa più paura. Ma siamo una moltitudine, una forza inarrestabile. Siamo il destino di questa città».





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*