Assisi, è morto Pino Antonelli, Maestro della vita e dell’arte

Per chi volesse salutarlo, i funerali si celebreranno lunedì alle 15,00 alla Cattedrale di San Rufino ad Assisi

 
Chiama o scrivi in redazione


Realizza numerosi servizi fotografici per manifestazioni, riviste oltre che per libri, guide e cartoline. Nel 1995, in una fusione creativa tra le due attività, nacque “Storie a strisce”, ovvero la storia della fotografia a fumetti, pubblicata mensilmente dalla rivista FotoGraphia fino al 2000. In seguito, si dedica alle esperienze multimediali, passando dalla multivisione alla realizzazione di video, CD-ROM, presentazioni e website.

Ha lavorato come educatore presso il Convitto annesso all’Istituto Alberghiero di Spoleto. Era stato fotografo del Calendimaggio. L’ultima uscita pubblica al Baccanale caffè dove ha, insieme a tanti amici, inaugurato la sua mostra “La luce dei tuoi occhi”.

40 immagini che raffigurano altrettante donne con un velo. La tecnica scelta cerca di avvalersi quanto più possibile della “verità , concetto quanto mai discutibile nell’informazione moderna. Scegliendo pertanto la fotografia, si è deciso di usare l’immagine istantanea attraverso la Polaroid.

Il messaggio è quello di “dare voce” a queste figure velate, intese come rappresentazione della donna in sé, con un forte richiamo all’attualità: coprirsi è dunque un gesto di sfida simbolica da parte della donna stessa, lasciando fuori solo gli occhi. Durante l’inaugurazione è stato proiettato un breve video “making of“e la lettura di poesie dedicate al tema da parte della poetessa Lolita Rinforzi. La figlia di Pino, Valentina, ha cantato per il padre.

All’inaugurazione erano presenti il sindaco di Assisi, Stefania Proietti, gli Assessori Claudia Maria Travicelli ed Eugenio Guarducci. Tra gli altri tante persone del mondo della cultura, pittori, poeti, scrittori. Pino è molto amato.

Pino se ne è andato stamattina dopo aver lottato con forza e dignità. Per chi volesse salutarlo, i funerali si celebreranno lunedì alle 15,00 alla Cattedrale di San Rufino ad Assisi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*