Art Bonus, Palazzo dei Priori di Perugia premiato alla sala dei Notari



Art Bonus, Palazzo dei Priori di Perugia premiato alla sala dei Notari

Si è tenuta questa mattina nella splendida Sala dei Notari di Palazzo dei Priori a Perugia la cerimonia di premiazione della terza edizione del Concorso “Progetto Art Bonus dell’Anno”, conferito dal Segretario Generale del Ministero per i Beni e le attività culturali Giovanni Panebianco al Comune di Perugia, nella persona del sindaco Andrea Romizi, per i recenti interventi di restauro dei portoni storici di Palazzo, sede del comune e della Galleria Nazionale dell’Umbria.

Alla cerimonia di premiazione sono intervenuti i massimi rappresentanti delle istituzioni che hanno ideato e promuovono annualmente il Concorso Art Bonus: Mario De Simoni, Presidente di ALES S.p.A. (società responsabile del programma di gestione e promozione dell’Art Bonus per conto del Ministero per i beni e le attività culturali), Carolina Botti Ales Direttore referente Art Bonus, Gaetano Scognamiglio e Francesca Velani rispettivamente Presidente e Direttore del Dipartimento cultura di Promo Pa Fondazione – Lubec, partner di Ales per questa iniziativa.

Oltre al Comune di Perugia in qualità di ente beneficiario della raccolta fondi Art Bonus per Palazzo dei Priori, una targa di ringraziamento è stata consegnata anche a tutti i donatori che hanno effettuato erogazioni liberali per sostenere il restauro dei portoni storici del Palazzo: Mario Briganti, Francesca di Paterniano/Gruppo Facebook Pulchra Perusia, Fosforica srl, Lorena Pittola e i Lions Club Perugia Concordia, Maestà delle Volte, Centenario, Host, Augusta Perusia, Fonti di Veggio.

Uno speciale pubblico ringraziamento è stato rivolto anche all’intero gruppo di lavoro Art Bonus Perugia: Luciana Cristallini, Dirigente Segreteria Organi Istituzionali e Comunicazione, Simona Cortona, Funzionario della Comunicazione, Michele Giovagnoni e Simone Falchetti, Servizi Web sito internet, Fabio Pampanelli, grafico, Franco Becchetti, Dirigente Engineering, Beni culturali e sicurezza sul lavoro, Paolo Martani, Coordinamento Attività giuridico amministrative, Fabio Fantucci, direttore dei lavori.

Il Segretario Generale MiBAC Giovanni Panebianco ha così dichiarato: “L’Art Bonus è una norma che sta dando buoni frutti e il Ministero intende sostenere e incoraggiare la sua ampia attuazione. Questo premio dimostra come lo strumento riscuota crescente interesse sul territorio e sia utilizzato da molti cittadini per contribuire alla tutela e alla valorizzazione dei beni culturali. E’ una forma di partecipazione alla cura del patrimonio culturale davvero importante che nutre un comune senso di appartenenza e realizza in modo altamente simbolico la virtuosa collaborazione tra pubblico e privato.”

Anche il Presidente di Ales Mario De Simoniha espresso grande soddisfazione per il premio conferito, per la prima volta nelle tre edizioni del concorso, ad un’amministrazione comunale: “Questo premio dimostra che l’Art Bonus ha avuto una buona penetrazione sul territorio ed è utilizzato anche da molti cittadini per contribuire alla tutela e alla valorizzazione dei beni culturali identitari del loro territorio. È quindi giusto dare un riconoscimento anche simbolico alle scelte e alle volontà sia delle amministrazioni pubbliche che dei cittadini virtuosi, con l’auspicio che il loro gesto possa essere emulato e la collaborazione pubblico – privati cresca e si rafforzi.”

Emozionato e orgoglioso per l’importante riconoscimento il Sindaco Andrea Romizi: “Il premio va simbolicamente all’intera città di Perugia che ha creduto nell’Art Bonus: in primis a tutti i cittadini che, in veste di imprenditori, singole persone fisiche, associazioni e gruppi emersi anche dai social, negli ultimi tre anni hanno dato il loro contributo riqualificando numerosi beni storico artistici della città, ma anche all’Amministrazione e a tutto il suo staff. Ci abbiamo creduto da subito e ci abbiamo lavorato, è stato un cammino lungo e complesso ma i risultati sono arrivati. Sul portale Art Bonus, infatti, il solo Comune di Perugia ha pubblicato circa 40 beni oggetto di raccolte fondi, molte delle quali già chiuse positivamente per un totale di circa 1 milione e duecentomila euro raccolti. Mi piace ricordare – ha concluso Romizi – che i mecenati scelgono i beni perché hanno un qualche legame sentimentale con esso e questo significa che con Art Bonus si recupera non solo il bene, ma anche la sua storia. Questo premio ci incoraggia ad andare avanti, dimostra il grande cuore della nostra città, che credo possa essere di esempio ad altre realtà.” Il Sindaco ha anche annunciato, a proposito delle future iniziative di Art Bonus, che si è aggiunto un mecenate anche per le vetrate di Palazzo dei Priori, il cui restauro potrà così avere luogo appena possibile.

“La centralità del ruolo dei Comuni per diffondere Art Bonus -hanno infine sottolineato Gaetano  Scognamiglio e Francesca Velani – é poi dimostrata dai risultati ottenuti dal Comune di Perugia che ha istituito un gruppo di lavoro finalizzato a promuovere la raccolta fondi,con un modello da replicare auspicabilmente su tutto il territorio nazionale “.

A spiegare le modalità di lavoro del gruppo è stata la stessa dirigente, Luciana Cristallini: “Fin dall’inizio abbiamo compreso che lavorare in team rappresentava la nostra forza. Ci siamo seduti ad un tavolo, ognuno con le proprie funzioni, e ci siamo domandati come potevamo rendere più comunicativo e accattivante  un decreto legge, una normativa nazionale. Nello  stesso tempo – ha proseguito – abbiamo costruito partnership con l’Accademia di Belle Arti, coinvolto il Conservatorio di Musica, ottenuto il patrocinio della RAI, ci siamo rivolti al mondo dell’arte giovanile, abbiamo coinvolto una giovane artista di Officine Fratti, Elisa Pietrelli. E, a proposito di giovani, è cominciato da poco un nuovo progetto proprio sull’Artbonus con il servizio civile nazionale che durerà un anno e che vede 2 giovani, Sofia Menchicchi e Giuseppe Dario Fiorenza, laureati in comunicazione, lavorare per un anno a nuovi format per promuovere il concetto di cultura, amore, responsabilità verso la città.”

Art Bonus Perugia ha un significativo seguito anche sui social, con una copertura di quasi 73mila visualizzazioni sulla pagina Facebook dedicata, che si aggiungono alle 225mila circa ottenute dai post Art Bonus sulla pagina istituzionale dell’ente, alle 50mila di Twitter e alle 29mila di Instagram.

Nell’ambito del concorso, Palazzo dei Priori ha ricevuto 2.222 voti sui 10.204 complessivi raccolti dalla piattaforma www.concorsoartbonus.it dai 117 progetti in concorso.

L’Art Bonus in breve:

La legge c.d. Art Bonus (n. 106 del 29/07/2014) prevede un credito d’imposta del 65% per le erogazioni liberali in denaro effettuate da cittadini e imprese a sostegno della cultura e dello spettacolo. Le erogazioni liberali Art Bonus possono riguardare interventi di manutenzione, protezione e restauro di beni culturali pubblici; sostegno degli istituti e dei luoghi della cultura di appartenenza pubblica, delle fondazioni lirico-sinfoniche, dei teatri di tradizione e di altri enti di spettacolo di cui all’art. 5, comma 1, della Legge 22/11/2017, n. 175; la realizzazione di nuove strutture, restauro e potenziamento di quelle esistenti di enti e istituzioni pubbliche che, senza scopo di lucro, svolgono esclusivamente attività nello spettacolo.  A 4 anni dall’entrata in vigore della legge i dati delle raccolte Art Bonus a livello nazionale fanno registrare numeri interessanti: oltre 1.540 enti iscritti, oltre 10.500 mecenati/donazioni (di cui oltre 6.000 persone fisiche), oltre 326 milioni di euro raccolti.

Tutte le informazioni su www.artbonus.gov.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*