Alfie si è spento, il padre: “Gladiatore ha posato scudo”

 
Chiama o scrivi in redazione


© Protetto da Copyright DMCA

28/04/2018 Il piccolo Alfie Evans e’ morto. Ad annunciarlo i genitori, Tom e Kate, su Facebook. “Il mio gladiatore ha posato lo scudo e ha spiccato il volo alle 2.30”, ha scritto il padre, Tom Evans, dicendosi “completamente distrutto”. “Ti amo, ragazzo mio”, ha aggiunto.

La battaglia dei genitori di Alfie Evans per tenerlo in vita si e’ conclusa nella notte: il piccolo, affetto da una malattia neurodegenerativa sconosciuta, e’ morto. Da lunedi’ scorso non era piu’ attaccato alle macchine che lo tenevano in vita. Di seguito la cronologia della vicenda.

MAGGIO 2016. Nasce a Liverpool il piccolo Alfie Evans dai genitori ventenni Tom Evans e Kate James. Il bambino, dopo i primi mesi di vita, sembra debole e viene sottoposto a diverse visite mediche.

DICEMBRE 2016. Il bimbo viene portato d’ urgenza all’ Alder Hey Hospital a Liverpool dopo aver perso conoscenza, in preda alle convulsioni. Le sue condizioni peggiorano e cade in coma. La diagnosi e’ infausta: Alfie soffre di una malattia neurodegenerativa sconosciuta.

ESTATE 2017. Il padre lancia su Internet “l’ Esercito di Alfie” raccogliendo il sostegno di migliaia di persone. I genitori si rivolgono al dottor Michio Hirano, il neurologo americano che aveva aiutato Charlie Gard, il bambino inglese protagonista di una vicenda simile. Speranze arrivano anche dallo Utah e dall’ Italia.

DICEMBRE 2017. L’ ospedale dichiara di aver esaurito tutte le opzioni possibili per Alfie e si oppone al desiderio dei genitori di trasferire il piccolo al Bambin Gesu’ di Roma per tentare nuove cure sperimentali. I medici esprimono l’ intenzione di appellarsi all’ Alta Corte per avere il via libera a staccare Alfie dalle macchine che lo tengono in vita.

FEBBRAIO 2018. Il caso finisce in tribunale e il giudice Anthony Hayden da’ il via libera al piano di fine vita dei medici, ma i genitori non si danno per vinti e promettono battaglia.

MARZO 2018: La richiesta di trasferire Alfie in Italia viene ripresentata in diverse sedi – Alta corte, Corte d’ appello, Corte suprema e Corte europea per i diritti dell’ uomo – ma viene sempre respinta.

APRILE 2018. Tra i ricorsi, prosegue la battaglia legale dei genitori. Papa’ Tom vola a Roma e incontra Papa Francesco che nelle sue udienze pubbliche ha piu’ volte esortato a pregare per il piccolo Alfie.

Il 23 aprile il governo italiano gli concede in extremis la cittadinanza, nella speranza che questo porti a un suo trasferimento a Roma. La sera stessa il bimbo viene staccato dalle macchine ma resiste e continua a respirare. Il 24 aprile una nuova udienza dell’ Alta Corte nega per l’ ultima volta l’ ipotesi di portarlo in Italia ma apre al suo ritorno a casa, condizione che non si riesce a realizzare. Il bimbo muore alle 2.30 di notte del 28 aprile.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*