Aggressione poliziotti Giudice convalida arresto per tunisino e compagna

Aggressione poliziotti Giudice convalida arresto per tunisino e compagna che, ieri l’altro, avevano aggredito tue poliziotti. I fatti si erano verificati in piazza Matteotti a Città di Castello alle 20 circa del 27 giugno 2018. L’uomo è stato confinato ai domiciliari, mentre la donna è stata rimessa in libertà. Per loro, però, non è finita in quanto dovranno tornare davanti al giudice il 12 luglio prossimo. La vicenda si era consumata davanti agli occhi di una trentina di persone in quella che, a tutti gli effetti, è la piazza più importante della città. Il primo dei politici a portare solidarietà al Commissariato tifernate è stato Valerio Mancini della Lega che ai Poliziotti ha portato il messaggio di tutto il Partito di Matteo Salvini.

Per gli agenti – in quattro sono finiti in ospedale – sono stati dei momenti di pura follia. L’uomo, ad un certo punto, si era persino denudato. Cazzotti, calci, strattoni, i due agenti – poi raggiunti da altri due colleghi – hanno faticato non poco ad arginare la furia violenta del tunisino, per altro ben noto alla Forze di Polizia. C’era da neutralizzarlo  e allo stesso tempo da mantenere alto il profilo della professionalità. In sostanza quello picchiava di brutto e loro dovevano – come prevede la normativa – arginarne la furia.

La donna riprendeva tutto con il cellulare

Tanto più che sul posto c’era anche una donna, la sua compagna, che non ne voleva sapere di collaborare, anzi riprendeva con il cellulare non sapendo che in realtà c’era chi col cellulare ha ripreso tutta la scena, il cui video in un attimo è diventato virale. Il sindacato ha fatto sentire subito la sua voce. Il Sap infatti chiede di ottenere equipaggiamento ideoneo a tutelare i poliziotti.

Leggi anche: Aggrediti due agenti a Città di Castello, arrestati tunisino e compagna italiana

Telecamere sulla divisa e taser sono strumenti indispensabili per chi deve tutelare la sicurezza pubblica. Altrove – fuori dall’Italia – quel tunisino non ne sarebbe uscito così a buon mercato. Civiltà sì, ma non a caro prezzo, non a prezzo della sicurezza di chi la sicurezza deve garantire.

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*