Video rassegna stampa giornali in pdf del 25 ottobre 2020

 
Chiama o scrivi in redazione



Video rassegna stampa giornali in pdf del 25 ottobre 2020



Coronavirus: Locatelli, ‘non siamo ai numeri di marzo, evitiamo il panico’

“L’epidemia non è più governabile? Non è così, non siamo vicini alla perdita di controllo. C’è stata una marcata accelerazione di casi. Però l’impatto in termini di ricoveri nelle terapie intensive e di numeri di persone che perdono la vita non è certamente paragonabile a quello osservato nei mesi di marzo-aprile. Evitiamo, quindi, di farci prendere dal panico”. Lo ha detto Franco Locatelli, componente del Comitato tecnico scientifico e presidente del Consiglio superiore di sanità al Corriere della Sera. “È tempo di mantenere i nervi saldi ed evitate divisioni e polemiche. Il Paese è molto più preparato in termini di disponibilità di mascherine, tamponi, posti letto attivati o attivabili nelle unità di terapia intensiva e sub-intensiva”.

“La diffusione, a differenza della scorsa primavera, ha interessato tutte le Regioni del Paese, andando a coinvolgere anche realtà a elevata densità abitativa come, per esempio, Milano o Napoli, due città dove la diffusione del virus si è dimostrata negli ultimi giorni particolarmente elevata, risparmiate nella scorsa primavera. È importante che ognuno contribuisca in questa fase così delicata limitando al massimo gli spostamenti, rimanendo a casa e mantenendo con maggior rigore comportamenti responsabili”, ha aggiunto l’esperto. “Bisognava stringere di più e subito? Credo che nell’adozione di misure con indubbi impatti sulla vita sociale ed economica del Paese debba essere sempre adottato il criterio della proporzionalità e della ragionevolezza più volte richiamati dal presidente del Consiglio. I numeri attuali non sono certo quelli di qualche settimana fa, lo ripeto. Le misure ulteriori del governo, partono dall’osservazione di un’accelerazione nel numero dei contagi che richiedono provvedimenti più stringenti”.

“L’uso della mascherina contribuisce in maniera determinante alla riduzione della circolazione di Sars-CoV-2. Indossarla correttamente coprendo sia naso che bocca è fondamentale. È poi importante sostituirla dopo un certo numero di ore (4 ore). Oltre che indossarla ogni volta che è necessario, ognuno di noi ha il dovere di richiamare l’importanza al suo uso quando ci troviamo di fronte a qualcuno che questo dovere lo dimentica”, spiega ancora Locatelli.

(Cro/Adnkronos)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*