Video rassegna, sfogliabile e scaricabile, dell’11 maggio 2019



Video rassegna, sfogliabile e scaricabile, dell’11 maggio 2019




ULTIM’ORA

08:45:01 Furti in abitazione a Spoleto, in giro con cacciavite, foglio di via per tre persone

Continua, senza sosta, l’azione di prevenzione e controllo degli uomini della Polizia di Stato, anche finalizzata al contrasto dei reati contro la persona e il patrimonio.

Gli uomini del Commissariato di Spoleto, grazie anche alla collaborazione di alcuni cittadini, hanno individuato e sottoposto a controllo tre cittadini di nazionalità italiana, due donne e un uomo, rispettivamente aventi un’età di 19, 20 e 32 anni, aventi precedenti di polizia per reati contro il patrimonio, che si aggiravano con fare sospetto nella cittadina guardando ripetutamente i campanelli delle abitazioni.

Dal controllo effettuato dagli Agenti le due donne venivano trovate in possesso di due cacciavite di grandi dimensioni, senza che le stesse potessero dare valide giustificazioni in merito.

Al termine delle attività di rito, le due giovani venivano deferite all’Autorità Giudiziaria per il possesso ingiustificato di arnesi atti allo scasso e venivano avviate le procedure per l’emanazione del Foglio di via obbligatorio con Divieto di Ritorno dal Comune di Spoleto.


08:48:31Uccise la madre a Perugia, condannato a 6 anni e 8 mesi di reclusione

E’ stato condannato a 6 anni e 8 mesi di reclusione e alla misura di sicurezza in una Rems una volta espiata la pena. E’ Luciano Naticchi il perugino di 62 anni che uccise l’anziana madre Ofelia Tiburzi ancora in camicia da notte, strangolandola nel sonno perché affetto da un vizio parziale di mente.

Il pm aveva sollecitato una condanna a dieci anni di reclusione. L’avvocato Francesco Falcinelli che assiste Naticchi aveva sollecitato al giudice di applicare il minimo della pena, riconoscendo anche le attenuanti generiche prevalenti.

Il delitto avvenne il 12 marzo del 2018 a Montelaguardia, all’alba, nell’abitazione in via delle Ghiande. Naticchi, tuttora detenuto, era in aula. La difesa adesso punta a far ottenere all’imputato gli arresti domiciliari in una struttura di cura.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*