Tg Nazionale, edizione della sera del 10 febbraio 2020 [DIRE]


Scrivi in redazione

CORONAVIRUS, TENSIONE TRA ITALIA E CINA

“Massima precauzione” per la tutela della salute di tutti i cittadini; “solidarietà” al popolo cinese; “collaborazione scientifica” con Pechino e “misure” a sostegno del sistema economico e produttivo italiano. Sono queste le intenzioni con cui si conclude il vertice di governo sul coronavirus voluto da Giuseppe Conte per stemperare le tensioni con Pechino dopo la sospensione dei voli dall’Italia. “Roma sia obiettiva- ha tuonato il governo cinese- segua la scienza e non adotti misure eccessive”.

IL 2019 ANNO NERO DELL’INDUSTRIA

Il 2019 e’ stato l’anno nero dell’industria italiana. Come rileva l’Istat a dicembre 2019 l’indice della produzione industriale e’ calato in media d’anno dell’1,3% rispetto al 2018, il dato peggiore dal 2013. In caduta libera il comparto degli autoveicoli: la produzione del settore è diminuita del 13,9%, il calo più marcato dal 2012. Per Matteo Renzi si tratta di un dato devastante. “Anziche’ far polemica con noi, il governo acceleri sui cantieri e sulle tasse”, dice. Secca la replica del Pd: “Bisogna smetterla di picconare. E’ urgente ricostruire l’Italia”.

FOIBE, PARLA FICO: NO AL NEGAZIONISMO

L’Italia celebra il Giorno del Ricordo per commemorare le vittime delle foibe uccise tra Friuli Venezia Giulia e Slovenia dai partigiani jugoslavi di Tito tra il 1943 e il 1947. “Una sciagura nazionale”, ha detto il presidente della Repubblica Sergio Mattarella. A Roma è stata deposta una corona all’Altare della Patria, poi altre celebrazioni a Palazzo Madama alla presenza dei presidenti di Senato e Camera e del premier Giuseppe Conte. Per Fico celebrare il Giorno del Ricordo “è un atto di giustizia e verità, significa ribadire che quelle pagine drammatiche appartengono alla nostra storia, rigettando ogni tesi negazionista o giustificatoria”.

COSI’ CAMBIA IL TURISMO IN ITALIA

Meno vacanze lunghe per gli italiani, specialmente nel primo trimestre dell’anno. A rilevarlo l’Istat che sottolinea come la maggior parte dei turisti, il 35%, viva nel Nord-est, mentre tra le mete si conferma in testa la Puglia. Il Trentino Alto-Adige e’ la destinazione preferita per le vacanze lunghe in inverno e distacca notevolmente la seconda e la terza classificate, Lazio e Lombardia. I giovanissimi e gli anziani partono meno, rispetto all’estate dell’anno precedente. Solo il 44% dei bambini fino a 14 anni effettua almeno una vacanza, mentre i turisti over65 si riducono del 6%.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*