Stefano Zuccarini in volo, pilota e sindaco, io appartengo al cielo

 
Chiama o scrivi in redazione


Stefano Zuccarini in volo, pilota e sindaco, io appartengo al cielo

Per tutti quelli che sperano di tirarmi giù nel fango: io appartengo al cielo. Un grazie immenso a tutti gli amici ed amiche che mi sono vicini in questo giorno

© Protetto da Copyright DMCA

“Dopo il mio incidente motociclistico nel 1991 mi sono ritrovato su di una sedia rotelle con la mia vita in pezzi e senza la possibilità di praticare i miei sport preferiti, arrampicata sportiva e motocross. Avevo bisogno dell’adrenalina della mia vita precedente e così per caso ho provato l’esperienza del volo da semplice passeggero e così è nato l’amore.
Dopo un corso di addestramento sono divenuto il primo disabile italiano a conseguire un brevetto aeronautico nel 1996, seguito nel 1998, dalla prima abilitazione all’acrobazia al mondo concessa ad un pilota disabile.

L’acrobazia aerea non è affatto uno sport pericoloso, ma semmai estremo, alla cui pratica si arriva dopo un impegnativo addestramento sia fisico che psicologico che certifica l’idoneità del pilota a questa disciplina, ovviamente con l’utilizzo di velivoli costruiti e certificati per l’esecuzione delle manovre acrobatiche. In acrobazia nulla è lasciato al caso ma frutto di studio meticoloso nei limiti delle possibilità del pilota e della macchina.”/Umbriaoggi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*