Stefano Venarucci, delegato Ente Calendimaggio di Assisi, spiega Calendimaggio Open

Stefano Venarucci, delegato del Comune per l'Ente Calendimaggio, ha descritto le iniziative alternative

 
Chiama o scrivi in redazione


Stefano Venarucci, delegato Ente Calendimaggio di Assisi, spiega Calendimaggio Open ASSISI – «Il Comune di Assisi raddoppierà l’impegno economico a favore del Calendimaggio e da 40 mila euro, si passerà ad 80 mila», lo ha annunciato l’assessore Eugenio Guarducci durante la conferenza stampa che si tenuta per descrivere il nuovo corso di collaborazione tra l’Ente e Palazzo dei Priori. La Giunta, consapevole che per avviare una sorta di crescita sociale della Festa serve l’impegno dell’Ente e delle Parti, ha, per prima, messo mano al portafogli.

 

Stefano Venarucci, delegato del Comune per l’Ente Calendimaggio, ha descritto le iniziative alternative che ha ricordato che l’idea di introdurre qualche cosa di alternativo c’era già e che si è verificata una “comunione di intenti” tra Ente e Comune. 

«I dettagli dell’iniziativa – ha detto – li sveleremo a tempo debito. E’, in ogni caso, rivolta ad un target piuttosto ampio. Ci sarà, come evento principale un concorso di artisti di strada e che avrà il suo compimento il venerdì in Piazza. Si tratta di artisti aderenti all’Ars Pro, e che garantisce la qualità degli artisti che si esibiranno».

Il delegato ha poi annunciato la mostra di costumi che sarà curata da Daniele Gelsi. «Il filo conduttore – spiega – sarà l’evoluzione del costume nel Calendimaggio e il costume medievale nel cinema. Con costumi di film anche famosi. Una iniziativa che comincerà, di fatto, prima delle date della festa e durerà 15 giorni. Ci sarà, poi, anche un mercato di rievocatori medievali».

Soggetti che producono manifatture con tecniche medievali. «Si tratta di produttori selezionati», ha annunciato il delegato. «E’, in qualche maniera – ha detto – il tentativo di portare cio’ che viene fatto nei vicoli al di fuori dei vicoli stessi. Tutti artigiani rievocatori».

Un elemento che si sta sviluppando proprio in questi giorni è legato ad una iniziativa per i più piccoli. «Un momento ludico – lo ha descritto Venarucci – che avrà, comunque, il filo conduttore del Medioevo. Attività e giochi ripresi dalla iconografia medievale».

«Il Calendimaggio deve essere potenziato più possibile – lo ha detto il sindaco Stefania Proietti durante il suo intervento – e il più possibile renderlo grande, come fare lo sapete voi – ha aggiunto -. Quest’anno sarà il mio primo Calendimaggio vissuto insieme a voi e vivrò con voi quei quattro giorni. Noi non vogliamo assolutamente snaturare la Festa, ma vogliamo che l’evento diventi attrattivo per tante persone».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*