Si accende il Natale a Perugia, intervista all’assessore Pastorelli | Video

 
Chiama o scrivi in redazione




Si accende il Natale a Perugia, intervista all’assessore Pastorelli

Una piazza IV Novembre gremita ha fatto da sfondo, nel pomeriggio di sabato 7 dicembre, all’inaugurazione del Natale di Perugia 2019. Puntuale, poco prima delle 17, il trio jazz degli allievi del Conservatorio Morlacchi di Perugia ha dato il via alle esibizioni, in attesa della Fanfara regionale dei bersaglieri Renato Salucci, mentre i 466 bambini e i genitori del coro del Distretto Montessori -coro nato per celebrare i 70 anni di Maria Montessori a Perugia- si posizionavano sul sagrato del Duomo.

A dare il benvenuto dell’amministrazione è stata l’assessore al Commercio e Sport Clara Pastorelli, affiancata dall’assessore alla Cultura Leonardo Varasano e l’assessore alla Mobilità Luca Merli.  “Questo Natale è un Natale corale -ha ribadito Pastorelli- che ha visto l’impegno e lo sforzo di tanti soggetti, dall’amministrazione, al consorzio, i commercianti, le associazioni, i rioni, tanti cittadini, e i risultati si vedono. L’unione fa la forza, ma fa anche la differenza.” Pastorelli ha quindi citato Dante e la Divina Commedia, invitando tutti a “riveder le stelle” come segno di speranza, alzando lo sguardo verso l’alto e verso il futuro.

L’emozione si è fatta forte quando ha preso il via il “ping-pong” – come lo ha definito lo speaker della serata, Marco Cruciani- tra la fanfara e i bambini che si sono alternati, tra musica e canti, permettendo a tutto il pubblico presente di immergersi nell’atmosfera natalizia, complici le luci e gli addobbi della piazza e del vicino Corso Vannucci vestito a festa.

Al termine dell’esibizione del coro, tutti i bambini hanno acceso delle stelline luminose, dando il là per l’accensione del grande albero di piazza IV Novembre e degli igloo posizionati in varie vie del centro.

Un momento particolarmente intenso è stato anche quello dell’inaugurazione del Presepio di Piazza Grande, allestito a cura della Diocesi di Perugia-Città della Pieve, con la presenza di S.E. il Cardinale Gualtiero Bassetti e del Sindaco Andrea Romizi.

Nel suo saluto, il Cardinale ha sottolineato come la vigilia della festa dell’Immacolata prepari tutti al Natale. “Vedo questa piazza finalmente piena di famiglie in festa e di ragazzi, protagonisti del presepio, che è il segno della bontà e della tenerezza di Dio. Il presepe -ha detto ancora Bassetti- manifesta tutta la dolcezza delle nostre famiglie, lì c’è posto per tutti, per i bambini di tutto il mondo, per i ricchi e per i poveri.” Quindi, invitando tutti a far tornare il presepe nelle famiglie per “sperimentare -ha detto- la tenerezza di Dio” e, benedicendo il bambinello adagiato nel presepe, ha augurato a tutti i presenti un buon Natale. “Le voci dei bambini del coro -ha detto, a sua volta il Sindaco Romizi- hanno acceso in tutti noi una luce interiore, che speriamo resti accesa anche dopo il Natale per ricordare a tutti noi il senso della nostra presenza qui.”

Le celebrazioni si sono quindi spostate in via Mazzini, per l’inaugurazione del “Natale stellare” al Centro camerale G. Alessi, a cura del Post, dove i bersaglieri della fanfara si sono esibiti nell’inno di Mameli prima del taglio ufficiale del nastro e, a chiudere,  alla Rocca Paolina per l’inaugurazione del Natale alla Rocca, il mercatino di Natale che, insieme a quello di Corso Vannucci era già aperto dalla mattina.

Confermato il successo di pubblico e l’emozione rinnovata per il terzo anno consecutivo a Ponte San Giovanni per la performance del funambolo Andrea Loreni, che ha attraversato i 36 metri tra la piazza del Mercato e il campanile della chiesa di San Bartolomeo davanti a tanta gente, grandi e piccoli, tutti col naso all’insù ad ammirare la sua leggerezza, mentre camminava sospeso tra terra e cielo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*