Riapre ai professionisti esterni deposito Santo Chiodo

 
Chiama o scrivi in redazione




Riapre ai professionisti esterni deposito Santo Chiodo

Il deposito di Santo Chiodo di Spoleto, l’ “ospedale” dell’arte ferita dal sisma del 2016, dopo i mesi di lockdown per coronavirus riapre ai professionisti esterni. A comunicarlo è la Soprintendenza archeologia belle arti e paesaggio dell’Umbria. La struttura, viene ricordato dalla Soprintendenza, è comunque sempre rimasta operativa in fase di emergenza pandemica con presenza minimale di addetti ai controlli di sicurezza di opere e impianti.

Possono proseguire da adesso tutte le attività di messa in sicurezza sulle opere d’arte conservate all’interno del deposito. Sono, infatti, all’opera squadre di 4 restauratori che si alternano ogni 4 mesi sotto la supervisione dei tecnici dell’Opificio delle Pietre Dure e della Soprintendenza umbra, così come pure si potranno portare a compimento le ultime fasi del restauro della grande pale d’altare, capolavoro di Jacopo Siculo, proveniente da Norcia, che a lavoro ultimato sarà una protagonista delle celebrazioni raffaellesche.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*