Rassegna stampa del 20 novembre 2019 prime pagine umbre e nazionali


Rassegna stampa del 20 novembre 2019 prime pagine umbre e nazionali




Arriva la giunta dai, entro sabato..torna Salvini eh

Nella giunta Tesei, che sarà pronta entro sabato, ci sarà un assessore ternano. Lo ha detto ieri Matteo Salvini durante la visita a Terni. Il nome al momento resta un mistero. La presidente accanto a lei vorrebbe: Paola Agabiti e Michele Fioroni. Da questo non si scosta nemmeno di un millimetro. Sono ancora tanti i punti interrogativi. Il primo chi sarà l’altro assessore leghista oltre al veneto Luca Coletto? Si parla Enrico Melasecche, Daniele Carissimi e ora spunta un nome mai fatto, quello di Daniele Nicchi, sindaco di Attigliano. Quest’ultimo potrebbe diventare assessore, sempre se accetterà di dimettersi da consigliere. Facendo così Enrico Melasecche entra in consiglio.

Fratelli d’Italia, il secondo partito della coalizione, ha optato per Marco Squarta presidente del consiglio, ma vorrebbe anche un assessore: Pace Eleonora. Per Forza Italia ci sarebbe un assessore esterno come Laura Pernazza. L’obiettivo è poter mantenere due nomi, una in consiglio ed un altro in giunta.

Intanto ieri Tesei e Salvini si sono incontrati a Roma, dove la presidente aveva anche un incontro con il commissario Farabollini. Il leader della Lega, dopo Terni, tornerà a Perugia sabato alle 14,30 alla Città della Domenica. Oggi Donatella Tesei tornerà a sentire i partiti e non escluso che entro domani i nomi vengano svelati. La presentazione sabato alla presenza del capitano? Tutto può essere ma non c’è alcuna conferma. Attenderemo.

Ricostruzione post sisma, dal governo spuntano 30 milioni di euro

Dalla cabina di coordinamento presieduta dal Commissario Farabollini arrivano buone nuove per le Regioni terremotate del Centro Italia.

“Abbiamo finalmente raggiunto l’accordo per rimettere in circolo i fondi dell’ordinanza 27 sull’edilizia popolare che non erano stati utilizzati per mancanza di progetti e sui quali abbiamo concentrato l’azione congiunta di Commissario, Governo e Anac per restituire, in primis agli sfollati degli alloggi residenziali popolari, la possibilità di rientrare velocemente nelle proprie case – spiega il Commissario Piero Farabollini – Inoltre, abbiamo implementato in senso operativo la collaborazione  con Invitalia per supportare l’attività di ricostruzione e, con circa 30 milioni di euro, di messa in sicurezza delle imprese nel cratere”.

A vedere la risoluzione grazie alla nuova ordinanza per l’edilizia popolare anche la vicenda degli Ater teramani di Colle Atterrato, recentemente protagonista sui media, e le problematiche legate alla Centrale Unica di Committenza, prevista dal DL interministeriale 334/2019 e attivata attraverso il protocollo d’intesa siglato con Invitalia. Definite anche le procedure operative del cosiddetto “bando Inail” che consente, per la prima volta, anche ad aziende non danneggiate, di implementare la sicurezza sismica dei luoghi di lavoro.

Una volta bollinate dalla Corte dei Conti, le ordinanze diventeranno operative rispondendo a precise esigenze del territorio che vogliamo progressivamente sia slegato dai lacciuoli burocratici e dalle disfuzionalità che hanno determinato intoppi e lentezze nella ricostruzione”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Solve : *
28 + 27 =