Rassegna stampa del 12 settembre 2020, sabato prime in pdf

 
Chiama o scrivi in redazione



Rassegna stampa del 12 settembre 2020, sabato prime in pdf



Movida Perugia, incontro proficuo tra sindaco e l’avvocato dei residenti

Pisciatoi all’aria aperta, puzza nauseabonda che sale in alto fino alle finestre dei residenti, urla sotto le abitazioni, tirare di cocaina su muretto nei pressi delle case, auto danneggiate dopo la bevuta di alcol notturna fino alle prime ore del mattino. Tutti questi singoli episodi sono stati raccontati nei minimi dettagli dall’avvocato, Michele Gambini, che si è fatto portavoce delle istanze dei cittadini del centro storico, al sindaco di Perugia Andrea Romizi, durante un incontro che si è tenuto nella giornata di venerdì.

Il sindaco molto disponibile ha ascoltato il legale. “E’ stato un incontro proficuo – ha detto Gambini – il sindaco che mi ha contattato ha mostrato subito interesse alle problematiche elencate e si reso disponibile per cercare di migliorare quell’area del centro storico, via Mattioli, scalette di piazza Piccinino (zona Porta Sole), zona di piazza Alfani, via Bartolo, via Ulisse Rocchi, via delle Cantine e via Baldeschi”.

Durante l’incontro sono emerse le prime soluzioni una fra queste è installazione di tre telecamere nelle zone, nei punti più a rischio degrado (in via Mattioli, piazza Michelotti e piazza Raffaello) nell’ambito del progetto “Perugia sicura”. “Servizio di sorveglianza – ha precisato Gambini – che sarà installato una volta approvato nel bilancio comunale e poi il servizio coordinato delle forze di Polizia”.

Aumenteranno i controlli a partire da subito con azioni mirate. Gambini ha detto che il sindaco “avvierà la macchina comunale con l’impiego della polizia locale in coordinamento con le altre forze di polizia, Carabinieri, Polizia e Guardia di Finanza, anche in borghese, che presiederanno le zone negli orari più critici del fine settimana”.

Gambini è rimasto soddisfatto di questo incontro con il Primo Cittadino e auspica che presto qualcosa possa cambiare, perché i residenti sono stremati e non ne possono più di sopportare un simile degrado.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*