Perugia, ecco il progetto Puzzle, finanziato dal fondo FAMI

Nel sito della Prefettura di Perugia è stata aperta una pagina dedicata al Progetto Puzzle


Scrivi in redazione

Perugia, ecco il progetto Puzzle, finanziato dal fondo FAMI

Questa mattina , alle ore 10.00, in  Prefettura, si è tenuta l’annunciata conferenza stampa nel corso della quale il Prefetto di Perugia, Raffaele Cannizzaro, ha illustrato il progetto “Puzzle”, finanziato dal Fondo “FAMI” (Fondo Asilo, Migrazione e Integrazione”, per una somma di circa 351.000 euro).

Il progetto si prefigge lo scopo di potenziare ed ottimizzare il sistema regionale di prima accoglienza dei richiedenti protezione internazionale, nonché di promuovere e facilitare i processi di integrazione degli stessi, anche attraverso la sperimentazione di interventi volti a migliorare la gestione di  situazioni critiche ed emergenziali.

Alla presentazione sono intervenuti i rappresentanti  partners del progetto – Anci , Asl 2, Scuola Umbra di Amministrazione Pubblica, Cidis Onlus e Cooperativa Sociale “Borgo Rete”, nonché la Asl 1,  che ha aderito al Progetto.

Nel corso della conferenza stampa sono stati esposti gli ambiti di maggiore complessità nella gestione dell’accoglienza dei richiedenti protezione internazionale sul territorio umbro e le   attività previste dal progetto a supporto del percorso.

Le azioni previste saranno orientate ad incrementare gli interventi di mediazione culturale  in ambito sanitario ed  in tutte le attività informative rivolte ai richiedenti, a sviluppare maggiori competenze dei soggetti pubblici e del privato sociale chiamati  a dare risposte più efficaci, sensibilizzare le comunità ed il territorio, mediare i conflitti, sperimentare modalità di intervento basate su approcci interculturali.

Nel sito della Prefettura di Perugia è stata aperta una pagina dedicata al Progetto Puzzle (http://www.prefettura.it/perugia/contenuti/Progetto_puzzle-6646238.htm) nella quale saranno pubblicate  tutte le informazioni inerenti lo sviluppo del progetto stesso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*