Prima pagina in pdf video rassegna stampa del 10 giungo 2020

 
Chiama o scrivi in redazione



Prima pagina in pdf video rassegna stampa del 10 giungo 2020




Caso Dentix, tanti clienti beffati, ma un possibile spiraglio di riapertura c’è

Soldi spesi per lavori non terminati, clienti rimasti con i ferri in bocca e con i debiti. E’ il caso Dentix, la clinica odontoiatrica, che in questi giorni sta balzando su tutte le pagine dei giornali. Da Perugia a Terni, passando per Foligno con centinaia di persone beffate e che testimoniano la loro sventura.

A Perugia e a Terni sono centinaia le persone che si stanno rivolgendo, via telefono o mail, a Federconsumatori per avere assistenza. Sono tante le persone che hanno cominciato a pagare un lavoro non ancora terminato a causa dell’emergenza coronavirus e della non riapertura delle filiali umbre della Dentix.

Trai casi più eclatanti quello di un uomo che dopo aver speso migliaia di euro si troverebbe, a detta sua, «con i ferri in bocca da mesi». Lo riporta oggi il Messaggero Umbria. Pazienti che da settimane trovano le serrande abbassate e quando chiamano al telefono risponde solo la segreteria. Tra le presunte vittime c’è un’anziana signora che da marzo ha le protesi dentro la clinica e non sa come recuperarle. Ma ci sono anche intere famiglie.

Dentix nel suo sito internet si rivolge al Paziente chiedendo scusa e pazienza in questi giorni, ma i dubbi per una possibile non riapertura restano, così come i finanziamenti accesi per cure dentali fornite da un ambulatorio che, dopo l’emergenza pandemia, non ha riaperto. Interventi ancora in alto mare.

“I nostri servizi -scrive Dentix Italia sul suo sito – richiedono determinate funzionalità per garantire la sicurezza e la salute di pazienti e dipendenti. Per questo motivo, e per essere certi che i nostri ambulatori siano perfettamente attrezzati, le nostre cliniche apriranno gradualmente. Presto contatteremo ciascuno dei nostri pazienti per riprendere il loro trattamento. Ci scusiamo e chiediamo pazienza in questi giorni”.

“Nei mesi della pandemia abbiamo garantito i servizi d’ urgenza e i trattamenti indifferibili, adesso da metà maggio stiamo per attrezzare i nostri centri con tutti i dispositivi di sicurezza. In questo periodo il nostro call center è stato sempre attivo, abbiamo avuto un picco di chiamate ricevute molto alto che ha generato delle lunghe code di attesa. Il silenzio operativo è stato con il fine di consentire, con tutte le nostre forze, un possibile piano di riapertura delle cliniche Dentix. Abbiamo vissuto, e stiamo vivendo, un momento storico ed aziendale veramente complicato e critico.

Stiamo valutando attentamente cosa è meglio fare, avendo quali principali punti di riferimento da tutelare dipendenti e pazienti. Ci stiamo adoperando per garantire le urgenze e ripristinare le cure a cui avete diritto fin dal momento in cui vi siete affidati a noi. Non possiamo negare la realtà. Non possiamo ignorarla. Stiamo lavorando giorno per giorno, ora per ora, per studiare qualsiasi soluzione possa garantire un percorso di continuità a Dentix. Per proteggere le vostre urgenze e pianificare un percorso di ritorno alla normalità.

Se in questo momento ha un trattamento in corso, la informiamo che l’attenzione verso i pazienti non si modificherà, quando l’azienda avrà modo di aprire gli ambulatori continueremo i suoi trattamenti con la stessa qualità e lo stesso servizio che abbiamo sempre offerto. Dentix è stata fondata 10 anni fa e in nessun momento abbiamo abbandonato alcun paziente. Nostro obiettivo rimane sempre la soddisfazione dei pazienti. Faremo tutto quanto possibile e vi comunicheremo al più presto istruzioni operative”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*