Paola Lungarotti è il nuovo sindaco di Bastia Umbra, le sue prime parole 🔴VIDEO🔴



Paola Lungarotti è il nuovo sindaco di Bastia Umbra, le sue prime parole

«Per Bastia sì è un grande passo in avanti, Bastia è già grande di suo e ha riconfermato la sua grandezza». Sono le prime parole a caldo di Paola Lungarotti dopo aver appreso di essere diventata il sindaco della città. Con le lacrime agli occhi non è riuscita a trattenere l’emozione e ha festeggiato quasi tutta la notte in piazza Mazzini.

Paola Lungarotti dunque diventa sindaco di Bastia, vince con il 57% dei voti il candidato di centrosinistra Lucio Raspa che ha ottenuto il 42% dei voti.

Una donna portata al podio dal primo cittadino, Stefano Ansideri, che ha governato la città per 10 anni. «Una donna bastiola, una donna di tutti». Si definisce così Paola Lungarotti, intervistata dal direttore Marcello Migliosi.

Una campagna elettorale difficile e cattiva? Sì parecchio – ha detto Lungarotti, ma avremo tempo per riflettere, per valutare, avremo tempo, come è mia abitudine per raccogliere, sia i frutti di questo grande impegno, ma anche le criticità, perché dobbiamo sempre e comunque di un problema un opportunità».

Cosa si possono aspettare i cittadini di Bastia dal nuovo sindaco? «Una donna semplice, aperta, sempre vicina altri come lo sono stata nella vita, sia professionale, che umana, che personale. Quel sindaco che ho sempre desiderato è quel sindaco donna che finalmente Bastia ha».

Sull’avversario? «Mi dispiace, certamente anche loro hanno dimostrato le qualità, le loro debolezze come lo abbiamo fatto anche noi. Per lui non è un momento facile, capisco il dispiacere e quando c’è un sentimento così forte le parole servono a poco».

Paola Lungarotti ha un pensiero a chi l’ha preceduta, alla scuola di Stefano Ansideri: «Siamo arrivati fino a qui, anche grazie a quello che è stato fatto prima, non sono partita da zero e questo lo riconosco e l’ho sempre ricordato ai nostri concittadini. Ci sono tante cose da fare, ma per piccoli passi, anche perché niente può essere definitivo nella vita, è tutta una crescita».

Il primo Impegno: «Il primo impegno della città è lavorare sulla squadra e incominciare a incontrare le periferie, con loro dobbiamo progettare, dov’è necessario valutare e fare quello che sente il cittadino e non solo l’amministrazione».

Quanto è contato il voto delle donne? «Un dono, un onore che rivolgo a tutte le donne, quelle donne bastiole che hanno fatto di Bastia questa grande città, alle donne devo tutto, perché le donne sono forti, capaci di poter smuovere le montagne».

Vincenzo Bianconi

Valerio Mancini

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Solve : *
34 ⁄ 17 =