Meteo 10 ottobre 2017, tempo stabile sull’Italia con qualche nube in transito

 
Chiama o scrivi in redazione


Meteo 10 ottobre 2017, tempo stabile sull’Italia con qualche nube in transito

Un profondo campo di bassa pressione agisce sul mar Baltico con valori minimi di pressione fino a 995 hPa, determinando condizioni di maltempo diffuso e clima freddo. Esteso campo di alta pressione progredisce verso Est dall’Europa occidentale, con valori pressori intermedi nell’ordine dei 1025 hPa. Saccatura depressionaria tende a isolarsi verso Turchia e Mar Nero con valori pressori minimi di 1005 hPa.

© Protetto da Copyright DMCA

Al NordAl mattino nuvolosità irregolare su tutte le regioni con nubi alternate a schiarite, generale assenza di fenomeni. Al pomeriggio nubi sparse sui settori alpini con locali piogge sull’Alto Adige, più asciutto altrove con ampi spazi di sereno. In serata nuvolosità irregolare con nubi sparse in transito su tutti i settori ma senza fenomeni associati. Temperature minime e massime stabili o in lieve aumento. Venti deboli dai quadranti orientali o sud-orientali. Mari poco mossi o localmente mossi.

Al Centro: Al mattino nuvolosità sparsa su zone interne e regioni Adriatiche ma con tempo asciutto, ampi spazi di sereni altrove. Al pomeriggio nuvolosità irregolare in transito su tutti i settori con isolate pioviggini possibili sui settori interni. In serata nessuna variazione di rilievo con nubi sparse alternate ad ampie schiarite. Temperature minime e massime stazionarie. Venti deboli di direzione variabile. Mari generalmente poco mossi o quasi calmi.

Al Sud e sulle Isole: Al mattino nubi sparse alternate a schiarite su tutti i settori ma con tempo asciutto. Al pomeriggio locali piogge su Campania, Puglia e Calabria, più asciutto altrove con ampi spazi di sereno sulle Isole Maggiori. In serata deboli piogge su Molise e Campania, si rinnovano condizioni di tempo asciutto altrove. Temperature minime e massime stazionarie o in rialzo. Venti deboli da ovest/sud-ovest. Mari da poco mossi a mossi.

a cura di Roberto Schiaroli.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*