Mark Zuckerberg presenta Libra, la criptovaluta di Facebook


Mark Zuckerberg presenta Libra, la criptovaluta di Facebook

Se ne è parlato molto negli ultimi mesi e questo martedì è arrivata l’ufficialità: Facebook lancerà la sua moneta elettronica nella prima metà del 2020.

Si chiamerà Libra e, nelle intenzioni del fondatore Mark Zuckerberg, diventerà la prima criptovaluta di massa, da usare per i pagamenti di tutti i giorni. “La missione – ha scritto Zuckerberg in un lungo post sul suo profilo – è creare un’infrastruttura finanziaria globale che serva a miliardi di persone in tutto il mondo. Vogliamo rendere facile per tutti inviare e ricevere denaro proprio come accade con le nostre app per condividere istantaneamente messaggi e foto“.

Today, Facebook is coming together with 27 organizations around the world to start the non-profit Libra Association and…

Publiée par Mark Zuckerberg sur Mardi 18 juin 2019

Per rendere i pagamenti facili come l’invio di una foto, spiega Zuckerberg nel post, Facebook “sta lanciando anche una filiale indipendente chiamata Calibra che costruisce servizi che ti permettono di inviare, spendere e risparmiare Libra – a partire da un portafoglio digitale che sarà disponibile in whatsapp e messenger e come app standalone l’anno prossimo”.

Calibra sarà regolamentata come altri fornitori di servizi di pagamento. “Tutte le informazioni che condividi con Calibra – continua il post di Zuckerberg – saranno tenute separate dalle informazioni che condividi su Facebook. Dall’inizio, Calibra ti permetterà di inviare libra a quasi chiunque con uno smartphone con un costo che sarà o basso o nullo. Nel tempo, speriamo di offrire più servizi per le persone e le imprese – come pagare le bollette premendo un pulsante, comprare il caffè con la scansione di un codice, o pagare i mezzi pubblici senza aver bisogno di avere con sé denaro o un abbonamento”.

La moneta sarà gestita dalla Libra Association, organizzazione indipendente no-profit a cui aderiscono 27 partner, da Visa a Mastercard, da eBay ad Uber, da Iliad a Vodafone, da Spotify PayPal.

Basata sulla tecnologia della blockchain e quindi tecnologicamente simile al Bitcoin, la Libra non sarà però sottoposta alle sue stesse fluttuazioni.

A garantirne la stabilità ci sarà una riserva di asset reali e a bassa volatilità, come depositi bancari e titoli di stato a breve termine.

Un moneta pensata anche e soprattutto per aprire il mondo dei servizi finanziari al miliardo di persone che non hanno un conto in banca ma possiedono un cellulare.

Vincenzo Bianconi

Valerio Mancini

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Solve : *
36 ⁄ 18 =