La stella di Andra e Tati, una storia vera raccontata con un cartone animato



La stella di Andra e Tati, una storia vera raccontata con un cartone animato

Questa mattina nella Sala dei Notari di palazzo dei Priori è stato proiettato il cartone animato dal titolo “La stella di Andra e Tati”, alla presenza della regista Rosalba Vitellaro e di Alessandra Viola, produttrice televisiva e sceneggiatrice. Il cartone animato, prodotto nel 2018 in occasione degli 80 anni dalle leggi razziali italiane da Rai Ragazzi e dal centro Larcadarte in collaborazione con il Miur, è il primo film d’animazione europeo sulla Shoah.

Il cartoon narra la storia vera di Andra (Alessandra) e Tatiana Bucci, sorelle fiumane di origine ebraica, all’epoca bambine di 4 e 6 anni, arrestate insieme alla madre e condotte ad Auschwitz. Andra e Tati saranno tra i pochissimi bambini a sopravvivere all’orrore dei campi di sterminio.

Rimasero e sopravvissero nel campo fino al 27 gennaio 1945, giorno in cui le truppe dell’Armata Rossa, aprirono i cancelli del campo di sterminio di Auschwitz-Birkenau e i sopravvissuti furono a mano a mano liberati e tornarono lentamente verso casa. Quando anche gli ebrei italiani cominciano a essere deportati nei campi di concentramento nazisti, Andra e Tati sono solo due bambine. D’improvviso, si vedono strappare via tutto ciò che hanno; perfino la famiglia è travolta e straziata da eventi inspiegabili.

Troppo piccole per capire, Andra e Tati si ritrovano sole e piene di paura. Il mondo comincia a cambiare e diventa un incubo, un’ombra minacciosa che si diffonde ovunque e a cui sembra impossibile sfuggire. Andra e Tati sono solo delle bambine, sì. Ma non smettono di sperare e di farsi coraggio a vicenda, unite e salvate dall’amore l’una per l’altra. Nell’era più buia della storia dell’umanità, la forza e la speranza sono le uniche armi per sopravvivere.

Con le immagini originali del primo film d’animazione europeo sull’Olocausto, la commovente storia vera di due sorelline sopravvissute alla Shoah. La storia delle due bambine, sotto forma di cartone animato, è approdata in Sala dei Notari, cuore della cultura della città di Perugia, per iniziativa della Presidenza del Consiglio comunale in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura, l’Associazione Italia-Israele ed Avis.

Presenti all’incontro di questa mattina il presidente del Consiglio Comunale Leonardo Varasano, l’Assessore Teresa Severini, Maria Luciana Buseghin (presidente dell’Associazione Italia-Israele di Perugia) e Fabrizio Rasimelli (Avis comunale di Perugia). La mattinata, alla presenza degli studenti delle scuole medie ed elementari, si è aperta con la performance canora di Elisa Cecchetti.

Tutti gli eventi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*