Juve punta a scudetto record, Allegri: “razzismo va condannato sempre”

 
Chiama o scrivi in redazione



Alla vigilia del match che potrebbe consegnare alla Juve il suo 35esimo scudetto con ben 7 giornate d’anticipo – un record assoluto per l’Italia – Allegri è tornato a commentare l’episodio di razzismo subito a Cagliari dall’attaccante Moise Kean, sommerso di cori razzisti dai tifosi cagliaritani. Il tecnico ha però anche preso le difese di Leo Bonucci, a sua volta duranente criticato dalla tifoseria bianconera per via di dichiarazioni giudicate ambigue nei confronti del compagno di squadra.

© Protetto da Copyright DMCA

“Il razzismo va sempre condannato” ha ribadito il Commissario tecnico “va perseguito e va combattuto, e gli imbecilli devono stare fuori dagli stadi. Per quanto riguarda invece gli attacchi rivolti a Leo Bonucci, posso dire che, dopo la partita, in uno stato di trance agonistica, si è espresso male ma si è subito giustificato e si è subito chiarito con un post su instagram. Mi sembra si tratti di due episodi assolutamente distinti”.

Archiviato il malinteso, la juve guara ora a quello che sarebbe il suo ottavo scudetto consecutivo. Per ottenerlo già in settimana, oltre a battere in casa il Milan, i bianconeri dovranno poi sperare che il Napoli perda a Genova nel match di domenica. In caso contrario o i festeggiamenti potrebbero essere rimandati alla 33sima giornata – quella del match contro la Fiorentina – o anche alla possima settimana, quando tra il 13 e il 14 aprile, la Juve incontrerà la Spal e il Napoli andrà a Verona.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*