Intervista con il sindaco di Assisi, Stefania Proietti, a bordo dell’Assisi Link di Trenitalia

 
Chiama o scrivi in redazione



Un gruppo di giapponesi, questa mattina alla inaugurazione dell’AssisiLink, voleva prendere subito l’autobus per farsi accompagnare alla Basilica di San Francesco. E’ stato subito effetto “all in one” a Santa Maria degli Angeli per la inaugurazione delle corse della navetta (per la verità è un vero e proprio autobus Marcedes ndr) che trasporterà i passeggeri dallo scalo ferroviario ad Assisi e ritorno.

«Devo ammettere che ho ricevuto una buona impressione – ha detto il sindaco Stefania Proietti, intervistata da Assisi Oggi nel viaggio inaugurale -, questo colore rosso ricorda il Freccia Rossa e tutta una serie di servizi collegati, dagli standard qualitativi molto alti. Fino a poco tempo fa – fa notare il sindaco – questa per noi era la linea C, ora diventa un servizio a misura di turista e non solo».

L’Amministrazione comunale ha, quindi, trovato molto interessante questa iniziativa e prevede “grandi riscontri”.

«Da quello che abbiamo appreso – dice Proietti – questo servizio va addirittura ad incrementare quelle che erano le corse, appunto, della Linea C. Servirà sì la stazione, ma anche tutta la frazione di Santa Maria degli Angeli che ha tantissime attività ricettive e le collegherà benissimo con il centro storico di Assisi»

E’ un bel regalo di Natale, secondo il sindaco, il servizio, infatti, sarà operativo dal 15 di questo mese. «Pormuoveremo questo servizio – aggiunge – anche perché siamo in pieno “Natale ad Assisi” e rappresenta un grande passo in avanti verso la sostenibilità».

Assisi si aspetta, nei prossimi mesi, un grande afflusso di pellegrini e di giovani per le grandi inizative che sono programmate. «Scegliere di arrivare ad Assisi – ha detto ancora – con il mezzo pubblico, integrato, è una scelta che va nella direzione della azione concreta verso il rispetto della nostra ecologia. Assisi Lingk è un servizio coerente con il messaggio che vogliamo lanciare»

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*