Inaugurato al Manu di Perugia il nuovo Lapidario

Inaugurato al Manu di Perugia il nuovo Lapidario. 02/07/2018 Inaugurato al Museo archeologico nazionale dell’Umbria, in piazza Giordano Bruno, a Perugia, il lapidario con più di quaranta iscrizioni latine diverse delle quali esposte per la prima volta. Alla presenza di numerose persone, tra cui non pochi turisti, la direttrice del museo Luana Cenciaioli, il direttore del Polo museale dell’Umbria Marco Pierini e il sindaco di Perugia Andrea Romizi hanno spiegato il senso dell’importante iniziativa che, come ha affermato lo stesso Romizi, “è un’opera meritoria e lungimirante, che contribuisce ad aumentare la centralità del Museo archeologico nazionale dell’Umbria nel panorama culturale cittadino e regionale. Sicuramente, uno scrigno della città che va valorizzato e promosso.” Dello stesso avviso il direttore del Polo museale Pierini che ha sottolineato l’utilità di fornire strumenti didattici, come le nuove, accurate, didascalie, che spieghino la funzione sociale che presso i Romani rivestivano le lapidi.

Da parte sua, la direttrice Cenciaioli, cui va il merito di avere sistemato i reperti, con la collaborazione dell’esperto di epigrafi Lucio Benedetti e dell’archeologa Mafalda Cipollone, secondo un rigoroso metodo scientifico, ha illustrato il percorso espositivo. Si parte dal piano terra dell’ex complesso domenicano per continuare nei settori del corridoio perimetrale del primo piano del museo.

I reperti in mostra (che vanno dal II sec.a.C. all’età imperiale e appartengono, oltre che all’area urbana perugina, a Civitella d’Arna – l’etrusca Arna – e Bettona) sono stati selezionati e raggruppati per ambiti tematici: scritte sacre, onorarie, attinenti alla vita istituzionale e civile, funerarie. Il nuovo assetto consente, tra l’altro, una maggiore comprensione di vari aspetti della vita quotidiana della Perugia romana e dei centri limitrofi. Un sistema di colori offre la possibilità di orientarsi facilmente tra le varie categorie di iscrizioni mentre la traduzione dal latino garantisce una corretta interpretazione di questi preziosi documenti del remoto passato.

IL NUOVO LAPIDARIO – Il nuovo lapidario presenta il riordino dell’importante raccolta di iscrizioni latine del Museo Archeologico Nazionale dell’Umbria e si snoda in un percorso che comprende parte del portico del grande chiostro di ingresso del piano terra e alcuni settori del corridoio perimetrale del primo piano.

L’idea progettuale, realizzata grazie alla sensibilità della Direzione del Museo, è stata quella di valorizzare questo importante settore museale, aggiungendo alle iscrizioni latine che erano già esposte in questi spazi molti pezzi conservati ancora nei magazzini, provenienti sia da contesti urbani che extra-urbani. I testi sono stati quindi selezionati e raggruppati per ambiti tematici, che comprendono quelli sacri, quelli onorari, quelli della vita istituzionale e civile e quelli funerari. Un’ulteriore articolazione è stata effettuata in funzione dell’eventuale riferimento ad altri centri diversi da Perugia o a particolari nuclei di iscrizioni come le alienae o le copie moderne.

Si tratta di pezzi molto importanti sia per il loro intimo legame con la città che per il loro contenuto, che ne fa a volte dei pezzi unici nel panorama dell’epigrafia romana, e l’allestimento che ne è risultato rappresenta anche l’esito fruttuoso delle numerose ricerche che il Polo Museale e l’Università degli Studi di Perugia conducono ormai da oltre un decennio sulla città antica e sul suo territorio.

Il nuovo assetto permette di illustrare in modo chiaro e immediatamente fruibile ai visitatori molti aspetti della vita quotidiana di Perugia romana e di alcuni centri antichi vicini. Un sistema di colori permette inoltre di orientarsi facilmente tra le varie categorie di iscrizioni, mentre le traduzioni dei testi latini consentono a chiunque di poter godere appieno di questi importanti documenti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*